Traffic Live

venerdì 9 gennaio 2015

L'attacco a Parigi opera di CIA e Mossad ?

Determinate informazioni indicano che l'attacco di Parigi è stato molto probabilmente un'attacco interno, in cui sono coinvolti il Mossad e si servizi segreti francesi.

I giornalisti della redazione del magazine satirico Charlie Hebdo si riuniscono una volta nella sede di Parigi una sola volta a settimana. "Una giornalista di Charlie Hebdo ha detto al quotidiano francese  Le Monde che gli aggressori furono stati informati che la riunione di redazione era in corso, altrimenti le persone presenti all'interno della redazione di Parigi erano pochissime". "Chi realmente ha informato i terroristi sulla riunione in quel giorno ?"

C'erano poliziotti all'interno degli uffici del giornale satirico prima che l'attacco abbia avuto luogo. "Due ufficiali che erano stati assegnati a proteggere l'editore e il fumettista Stephane Charbonnier negli ultimi ultimi anni, è venuto giù da un piano superiore e ha intercettato gli uomini armati."

Come è possibile che la polizia, in quel momento, sembrava cosi inutile ? 
Stranamente, non c'erano poliziotti armati fuori dagli uffici.



C'erano poliziotti armati nelle vicinanze di Parigi.

Due sospetti scendono dal furgone ..... "Un ufficiale ..... corre verso i sospetti. Ma l'ufficiale è stato colpito e ferito dai sospetti. Viene giustiziato con un colpo alla testa mentre giace sul marciapiede".

Osservando la foto, non si nota nessuna pozzanghera di sangue o per lo meno piccoli segni di sangue. Ci sono tre diversi account di social network, che descrivono questa figura di agente di polizia. Nel primo account "è un ufficiale emerso da una macchina della polizia", il secondo "è un poliziotto giunto sul posto della sparatoria da una stazione di polizia" e infine nel terzo e ultimo account "è un poliziotto che stava girando in bicicletta".



Dopo aver ucciso e praticato questo atto terroristico, i due gridano in nome del profeta. "Abbiamo vendicato il profeta Maometto", ennesima devianza da Inside Job (lavoro interno). "Senza, quindi, dichiarare la presenza dei servizi segreti israeliani del Mossad e servizi segreti francesi".

Chi ha realmente architettato questo atto terroristico, possedeva i manifesti che i parigini e molti altri francesi hanno esposto durante le ore successive in piazza, in difesa di Charlie Hebdo ? 

Domanda: Allora questa operazione targata Cia-Nato-UE serve per spaventare le masse popolari francesi ed europee ? 

Dopo questo attacco, i due terroristi lasciano la carta d'identità o il passaporto in auto, la stessa auto usata per l'attacco ?



Durante questo atto terroristico era presente sulla scena della sparatoria anche un terzo individuo di circa 19 anni. Hamyd Mourad che i servizi di sicurezza hanno tirato in ballo.
Perché allora molti amici, studenti, di scuola dichiararono che Hamyd fosse a scuola in quelle ore ? 

Said Kouachi di 34 e suo fratello Cherif di 32 orfani, anni fa furono portati in una casa di cura nei pressi della cittadina francese di Rennes, nel nord del paese. Con lavori umili. Come uomo di consegna delle pizze e commesso di un negozio.

Quali sono stati quindi gli scopi dell'attacco alla redazione del giornaletto satirico il 7 gennaio ?
L'obbiettivo è mica quello di spostare lo sguardo dell'opinione pubblica francese ed europea a favore di Israele ? 


Nessun commento:

Posta un commento