Post in evidenza

Probabile ennesimo falso attacco chimico vicino Damasco, Ayn Tarma

Attenzione: Ennesimo attacco chimico (con molta probabilità falso) avvenuto in territorio siriano. La notizia non è stata, momentaneament...

domenica 28 febbraio 2016

Gli USA preparano un "rivoluzione colorata" in Russia ?

Per l'ex ambasciatore indiano M.K.Bhadrakumar "in Russia il governo si preparerà a settembre per un tentativo di rivoluzione colorata, durante le elezioni parlamentari".

La riunione annuale del servizio si sicurezza federale russo (FSB) che è l'organizzazione succeduta al vecchio KGB dell'era sovietica è un'importante occasione per prelevare le temperature delle relazioni tra est e ovest. (Il clichè della guerra fredda ancora una volta sta diventando utile). La presenza del presidente Vladimir Putin alla riunione dell'FSB era il marchio di garanzia venerdì a Mosca.

La parte più importante del discorso di Vladimir Putin è la sua dichiarazione in merito a determinate informazioni che FSB avrebbe con se sulle trame occulte dell'Occidente per tumulti in Russia durante le elezioni parlamentari ad ottobre. Putin non utilizzò il termine "rivoluzione colorata" ma lo insinuò.

Ai vari servizi segreti statunitensi e ai neocons piacerebbe certamente una rivolta in Russia. Ma le opportunità per un colpo di stato riuscito a Mosca sono piccole. Non esiste un'opposizione forte nel governo e un po di crisi economica non inciterebbe i russi verso lo stato. Loro avrebbero impiccato un giorno "si" e un giorno "no" Boris Yeltsin se fosse stato così.

Sarebbe molto più facile se gli USA accettassero la Russia così com'è. Ma questo potrà mai essere, corretto ?

Insieme, un scenario cupo è stato proiettato qui con riguardo alle relazioni tra gli USA e la Russia durante tutta la presidenza rimanente di Barack Obama. Il problema centrale per la Russia è che gli Stati Uniti d'America interferiscono con la propria politica interna per creare disarmonia politica ed indebolire il Cremlino, mentre lo costringe ad adottare politiche che sono in armonia con quelle globali statunitensi.

Gli USA non possono definire la Russia (o qualsiasi paese per tale argomento) in maniera così nazionalistica, presentando vento contrario contro le proprie strategie globali.

Trump Sanders vittorioso alla presidenza degli USA potrebbe dare luogo a relazioni più amichevoli con Mosca. Ma ci sono molti nelle varie burocrazie, specialmente in quella del Pentagono che ha il loro bilancio che dipende dalle relazioni ostili con la Russia e (Cina). Le loro voci saranno dure al silenzio. Questo rende più difficile risolvere le crisi in corso in Siria e Ucraina:

Putin ha preavvisato che Mosca distruggerà tutta la progettazione degli USA per istigare l'agitazione politica in Russia, qualunque cosa prevedesse. Qui fiducia su Putin. Quindi la grande domanda: Come potrebbe essere possibile indirizzate i conflitti regionali come Siria o Ucraina quando i due grandi poteri sono chiusi a chiave in una lotta esistenziale ?

Se il tentativo degli Stati Uniti è quello di creare un certo genere di difficoltà alle elezioni parlamentari a Mosca prevediamo un'intensificarsi dei conflitti, in Siria e Ucraina, durante l'estate.

Moon of Alabama


"Donald Trump e Michael Jackson"

giovedì 25 febbraio 2016

David Icke

article-2083287-0F5B352B00000578-116_468x351

L’ex spia dell’MI5 David Shaylor avrebbe sostenuto che David Icke  è un agente della disinformazione. Ma, Shaylor “ha anche omaggiato David Icke“, dicendo che è il Figlio di Dio e che il mondo è controllato da lucertole mutaforma (rettiliani). Shayler ha dichiarato: “Gli ho parlato al telefono e ha suggerito d’incontrarci“. Il padre di David Icke era un militare collegato al controllo mentale. David Icke ha lavorato per la BBC. Nel 1991, Icke ha detto che il mondo sarebbe terminato il 1997. La sparatoria in Oregon nel mese di ottobre del 2015 e il probabile controllo mentale/Mind controll. I rettiliani fecero saltare le Torri Gemelle, secondo Icke“. Nel 2010 Icke scrisse che la Terra e la mente umana collettiva vengono manipolate dalla Luna, che è un veicolo spaziale e un portale inter-dimensionale controllato dai rettiliani. 

Ora parallelismi inquietanti emergono tra i pensieri di Icke… e gli scritti di personaggi di spicco del movimento della milizia armata negli USA… Una delle fonti de La rivolta dei robot di Icke è un altro libro, Behold A Pale Horse, il cui autore William Cooper era un ex-ufficiale dei servizi segreti della marina statunitense e un guru delle milizie patriottico-cristiane negli Stati Uniti“. Milizie anti-governative negli USA 

David Icke, il cui padre era nell’esercito inglese, s’innamorò di Pamela Leigh Richards, il cui padre era nell’esercito statunitense. Quando Icke incontrò Richards, Icke era ancora sposato e viveva con la prima moglie, Linda, i loro tre figli e Deborah ShawDavid, Linda e Deborah avrebbero avuto un menage a trois. Linda avrebbe cacciato Deborah quando rimase incinta della figlia Rebecca di Icke. Il sito di Pamela Leigh Richards riporta una citazione del satanista Aleister CrowleyVi si legge: “La magia è la scienza e l’arte di ottenere cambiamenti secondo volontà“. David Icke iniziò a sospettare che Pamela fosse un alieno mutaforma e finalmente la cacciò. 

Icke si appella a … fanatici reazionari di destra… Il gruppo nazista inglese Combat-18 supporta i suoi scritti, e negli USA il gruppo dei Patrioti Cristiani dell’ultradestra conservatrice segue assiduamente le sue letture. Ma sono probabilmente vicini a qualcosa come un appassionato di UFO degli anni ’60, un raelianoo un pagano newage della dea Terra…

venerdì 19 febbraio 2016

Le elité mondiali sponsorizzano l'immigrazione di massa

Gothenburg

Il Capo della Polizia Nazionale Svedese: Non può garantire più la sicurezza del popolo svedese. L'elitè dei globalisti sta distruggendo semplicemente un paese (o un intero continente) sommergendolo di decine di immigrati disperati, convincendo a non diffondere odio per la maggioranza bianca. Ulteriormente, le elitè incoraggiano tali immigrati per richiedere sempre più diritti. Infine, le elitè dichiarano che gli immigrati sono in realtà semplici vittime e gente oppressa. Questa è la formula usata dalle elitè di globalisti ebrei per far sprofondare l'Europa. Il capo della polizia svedese, Dan Eliasson, ha dichiarato recentemente che "non si può più garantire la sicurezza dei residenti in delle zone della Svezia". Secondo il quotidiano svedese Dagens Nyheter la Svezia adesso possiede ben 53 aree considerate ad alto rischio criminalità. Qui la polizia deve rispondere alle chiamate d'emergenza con due volati della polizia locale, una custodita e l'altra o sara vandalizzata o andrà in fiamme. Il giornale svedese Expressen ha dichiarato che il capo della polizia, Dan Eliasson, durante una riunione si è sorpreso per il crimine in Svezia. 


"Sono rimasto scioccato, dopo esser diventato capo della polizia nazionale, osservare in determinate aree l'aria di cattiveria in ore notturne. Se non costringiamo lo sviluppo sono convinto che sia crimine e sia terrorismo si radicalizzeranno nella nostra società."

Parole pronunciate dal capo della polizia nazionale svedese in una riunione in merito agli sviluppi del terrorismo in alcuni distretti in Svezia. 

Menzionò zone come Araby, Rosengard, Alby, Fittja, Tensta, Rinkeby in cui la società è lacerata. 

Secondo il capo della polizia nazionale hanno identificato ben 14 aree dove la vita può divenire difficile ... dichiarando però che tali aree non sono considerate proibite, anche se la polizia debba utilizzare due automobili per entrare in queste aree. 

L'editore del giornale domandò al capo della polizia svedese se su queste aree possiedono controllo e se possono garantire la sicurezza dei cittadini. 

"No, non possiamo garantire la sicurezza in quelle aree. Disponiamo di mezzi, agiamo, ma non possiamo garantire la sicurezza di alcuni posti. In queste aree è difficile", ha dichiarato Eliasson.

"Sono interessato seriamente alla situazione in determinate zone a Stoccolma, Gothenburg e Malmo. E' serio. C'è della criminalità che colpisce severamente i residente che vivono lì. Lì la società deve aumentare lo sforzo. Più persone devono ottenere lavoro ed istruzione e la polizia svedese deve avvicinarsi molto di più in quelle aree," ha dichiarato.

La Svezia ha sperimentato molti omicidi nelle strade e centri di asilo nel paese. 

giovedì 18 febbraio 2016

La guerra segreta di Israele contro la Nord Corea



Alla luce dell'ultimo test missilistico della Corea del Nord, questo articolo mostra, come in realtà la Nord Corea sia un nemico per Israele e che quest'ultima stia spingendo gli Stati Uniti d'America ad un confronto militare contro la Corea del Nord. Perché gli Stati Uniti non si siederanno a dialogare con Kim Jong Un, come ha chiesto ripetutamente ? Tutte le strade conducono ad Israele. Israele considera la Nord Corea come un nemico micidiale proprio perché vende tecnologia nucleare alla Siria e all'Iran. Infatti, un bombardamento israeliano contro la Siria provocò la morte di circa 10 scienziati nord coreani nel 2007.

30854.jpg

Nel 2002 l'ormai ex presidente statunitense George W. Bush definì l'asse del male quale: Iraq, Iran e Nord Corea (la Siria si aggiungerà poi). Come metà dei paesi del Medio Oriente si oppongono ad un'espansione israeliana, non è sorprendente che l'amministrazione Bush dominata da ebrei (Richard PerleFeith, Wolfowitz ed altri ...) mirerebbe all'Iran, alla Siria e all'Iraq.

Ma perché la Nord Corea ?

Malgrado Corea del Nord e Israele, si trovino sugli estremi opposti del continente asiatico, possono considerarsi acerrimi nemici ? La Corea del Nord non riconosce lo stato di Israele per i trattamenti riservati alla popolazione palestinese.

L'aeronautica israeliana bombardò una stazione di ricerca nucleare siriana, nel 2007, uccidendo 10 scienziati nord coreani che stavano lavorando lì.

"Operazione Orchard"

L'affondamento di una nave sud coreana (la Cheonan) nel 2010 fu un'operazione sotto falsa bandiera che avvicinò la possibilità di un conflitto tra le due Coree. La Nord Corea negò la sua partecipazione. Sapevate che Israele possiede una flotta di sottomarini tedeschi che possono sorvegliare gli oceani del mondo e perfino lanciare armi nucleari ?

 

Una ricerca sud coreana dichiarò che il missile utilizzato per colpire la Cheonan era tedesco.

La Germania non ha mai venduto armi alla Nord Corea ma ad Israele.

ZionistPropagandaNorthKoreaMeme

Jonathan Glickman

Smoloko

lunedì 15 febbraio 2016

Arabia Saudita e Turchia arriveranno ad attuare una false flag per invadere la Siria ?



I sauditi aumentano la loro retorica mentre la Turchia bombarda in Siria per il secondo giorno consecutivo. Secondo i seguenti rapporti, l'Arabia Saudita ha creato un quartiere generale con la Turchia, in preparazione all'assalto congiunto in Siria. Il rapporto inoltre sostiene che gli aerei degli Emirati Arabi Uniti sono stazionati alla base aerea di Incirlik in Turchia ... la stessa base dove sono stati dispiegati ultimamente i jet sauditi. Jet sauditi in TurchiaIl rapporto, indipendente non è stato verificato, è coerente e trasparente in merito ad una probabile invasione. Invasione in Siria. La Turchia ha già iniziato l'offensiva. Per il secondo giorno consecutio la Turchia ha bombardato le postazioni dell'aviazione siriana e le postazioni curde. Ci sono rapporti che dichiarano che la Turchia abbia iniziato una seria di bombardamenti contro le posizioni curde nel Nord della Siria, molto probabilmente dal loro spazio aereo per evitare rappresaglie da parte della Federazione Russa. I sauditi ancora devono unirsi all'offensiva ma hanno le idee ben chiare in merito. Secondo una corrispondente dell'emittente araba mediatica di Al-Jazeera. E' poco chiara l'idea di come l'Arabia Saudita e la Turchia lanceranno la probabile invasione. Probabilmente attendono che la Russia, l'Iran o persino la Siria lanci la prima mina, dando così alla Turchia il diritto di esercitare l'articolo numero 5 della Nato. Abbastanza interessante è la decisione del governo arabo di Giordania, che non interverrà, in una guerra diretta contro la Siria a meno che ci sia un mandato delle Nazioni Unite con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna. Un funzionario del governo giordano ha dichiarato esplicitamente che non parteciperà ad alcuna invasione in Siria a meno che non si siano operazioni coordinate dall'ONU, con le forze occidentali e Russia.

Russia Insider

domenica 14 febbraio 2016

L'ambasciata USA dietro le tonnellate di esplosivo a Tunisi



Il Generale di Brigata doganale tunisina ha lanciato l'allarme nel corso di una trasmissione televisiva, dopo la scoperta all'aeroporto di Tunisi, di 1500 kg di esplosivo, pentole a pressione riempite di chiodi e bulloni, detonatori, cinghie di esplosivi e di granate in un carico proveniente dagli Stati Uniti d'America verso la Tunisia. Il Generale, Mohamed Bazina, ha denunciato il black-out delle autorità e delle pratiche "irresponsabili, sopratutto in pieno stato di emergenza".

Questi ordigni esplosivi, in realtà, erano destinati ad esercitazioni di sicurezza e sono stati scoperti casualmente all'aeroporto di Roissy-Charles De Gaulle il 22 gennaio scorso da lavoratori della Fedex. Verso le 22:00 di venerdì 22 gennaio 2016, i dipendenti della società statunitense, trattano un trasporto proveniente dagli Stati Uniti e diretto in Tunisia quando uno degli scatoloni si apre, rivelando una pentola a pressione riempita di chiodi e bulloni.

I dipendenti si rendono conto che un'altro scatolo contiene dispositivi simili, accompagnati da ciò che sembrano somigliare a detonatori, racconta Frederic Petit, rappresentate del personale della società. Allertano quindi la direzione. I responsabili delle indagini arrivati sul posto hanno in seguito verificato tutto, passando le scatole tra i raggi x ed utilizzando i cani d'individuazione. "I pacchi erano destinati all'ambasciata a Tunisi e destinati per addestramenti ... indica una fonte della sicurezza aeroportuale. "Questo genere di transito non è frequente ma a volte si svolge ... spiega. "E' semplicemente la prima volta che uno dei pacchi si apre".

Tunis Tribune

Adesso l'ambasciata USA dia riposte in merito all'accaduto.

Il Mossad, la CIA e i suoi amici stanno lavorando in Nord Africa. La Tunisia impone il coprifuoco mentre si creano agitazioni per mancanza di occupazione lavorativa. C'è malcontento sociale crescente in Marocco e in Tunisia. Lo Stato Islamico tenta di rovesciare i governi di Marocco e Tunisia. L'ISIS ha lanciato un nuovo appello ai mussulmani in Tunisia e MaroccoIsraele e la CIA vogliono l'indebolimento di tutti i paesi mussulmani. Israele reagì male quando gli elettori in Tunisia cacciarono il governo della Fratellanza Mussulmana

Lo Stato Islamico, come la Fratellanza Mussulmana, viene azionato dalla CIA, dal Mossad e dai loro amici. L'ISIS sta minacciando i turisti in Marocco e i Tunisia. Nel 2015, un'attacco stile "Operazione Gladio", ha ucciso circa 35 turisti in Tunisia. Terrorismo in Tunisia. 

Attacco sotto falsa bandiera a Sousse/Tunisia.  Attacco terroristico in Tunisia. 

Nel 2011, due cecchini di nazionalità svedese, con nomi ebrei furono arrestati. I cecchini stavano sparando, secondo fonti tunisine, dai tetti degli appartamenti. Un piano per screditare il governo tunisino.



Nel 2011 la Tunisia era uno dei paesi pilastro della stabilizzazione geopolitica del "mondo arabo". Soltanto dopo il vento rivoluzionario della "Primavera Araba" sponsorizzata da CIA e lo stesso Mossad, la Tunisia è covo di, taglia gole. 

Venti di Primavera Araba in Tunisia e Marocco

sabato 13 febbraio 2016

"Se Cuba proseguirà così sarà la capitale dell'unità" Francesco


Papa Francesco è arrivato all'Avana venerdì per incontrarsi con il Patriarca Kiril (Cirillo), nella prima riunione tra la figura cristiana occidentale e quella dell'est dallo scisma millenario. Nel 1054 avviene il primo grande scisma all'interno del Cristianesimo. La parola scisma, nella storia del Cristianesimo, indica le divisioni che si sono avute all'interno della Chiesa. La divisione tra i Cristiani d'Occidente e i Cristiani di Oriente si chiama Scisma d'Oriente, perché è avvenuta a Costantinopoli (in Oriente) nel 1054. L'Oriente (anche se l'Oriente di allora è l'attuale Medio Oriente) è stato la culla del Cristianesimo: lì è nata la Chiesa, lì sono sorte grandi e importanti comunità di cristiani, lì si sono svolti i primi concili ecumenici (solo dopo il 1000 si avrà il primo Concilio Ecumenico, quello Lateranese). I motivi che hanno portato allo scisma sono vari, motivi storici e politici, motivi culturali (usanze e lingue differenti tra i due popoli), motivi dottrinali (diverse interpretazioni su alcuni aspetti della religione cristiana). Il Papa argentino, di 79 anni, effettuerà vari scali nel Centro America, prima di recarsi in Messico. Il Presidente cubano, Raul Castro, è stato considerato il massimo protagonista per questa famosa riconciliazione tra i due culti religiosi. 

Contrainjerencia
Claudio Penna - Scisma Orientale

mercoledì 10 febbraio 2016

Il Club Bilderberg contro Donald Trump

Donald Trump

Il regolare redattore del ‘Financial TimesMartin Wolf sottolinea che i potenti del Club Bilderberg sono assai scontenti dallo stato attuale delle cose e, in particolare dell’elevata popolarità del miliardario e candidato repubblicano per la presidenza degli Stati Uniti Donald TrumpSecondo le informazioni del suo profilo, Wolf è “sorprendentemente ben collegato alle élite per cui scrive” ed ha molti amici tra i banchieri più influenti, indicando che sa bene di cosa parla. Nell’articolo intitolato ‘I perdenti economici in rivolta contro le élite’, Wolf scrive che i “perdenti” economici rigettano “le élite che dominano la vita economica e culturale del Paese” e che “le potenziali conseguenze sono spaventose“. Affermando che “potrebbe essere troppo tardi” fermare l’ondata populista di Trump, Wolf osserva che le élite “hanno preso le distanze da lealtà e preoccupazioni nazionali, creando invece una Supérelite globale“. I “populisti nativisti non devono vincere. Conosciamo la storia: finisce male. Nel caso degli Stati Uniti, il risultato avrà gravi conseguenze globali”. 

Perché il club Bilderberg non è felice di Donald Trump?
Le parole di Martin Wolf sembrano una minaccia al mondo per non aver obbedito alle regole del mentore onnipresente. Ma perché il Club Bilderberg non è contento di Donald Trump ? La prima ragione che può preoccupare l’élite globale sono gli accordi commerciali, come ad esempio l’accordo di partenariato economico Trans Pacifico  (TPP). Secondo varie stime, solo negli Stati Uniti, nel 2025, altri 450000 posti di lavoro spariranno, colpendo molti cittadini e l’economia degli USA, mentre i globalisti di BilderbergCouncil on Foreign Relations e Rockefeller, come evidenziato sul blog del candidato al Congresso degli Stati Uniti Jon Rappoport, contano sul TPP. “E’ uno dei loro preziosi frutti. Vogliono minare l’economia degli Stati Uniti, nell’ambito del programma per aprire la via al pianeta sotto un unico sistema di gestione. L’impero globalista”. Sembra che Donald Trump ne saboti i piani per il caos economico globale e la supremazia indiscussa della mega-società. 

La Russia non cede al Club Bilderberg
La seconda tendenza che può infastidire i potenti del mondo è la sua posizione verso la Russia e il Presidente Putin. Il miliardario ha ribadito a più riprese che supporta le azioni della Russia in Siria e ha detto che l’opposizione armata siriana, sostenuta da Washington, sarà peggiore per il Paese e il Mondo. Inoltre, in una conferenza stampa del 17 dicembre, il Presidente russo Vladimir Putin ha detto che Trump è “un uomo di talento e brillante”, ed è anche “il leader assoluto della corsa presidenziale negli Stati Uniti“; a ciò Donald Trump ha risposto definendolo un “grande onore”. La vittoria in Trump può aprire una nuova fase nelle relazioni tra Stati Uniti e Russia, non redditizia per il Club Bilderberg che non vuole un candidato presidenziale fuori dal suo controllo. Chiaramente, grazie a ricchezza e possibilità il club Bilderberg non si fermerà davanti a nulla per raggiungere i suoi obiettivi e far vincere un suo candidato, ad esempio Hillary Clinton, come se fosse la ghigliottina mondiale. Ma lo stato attuale delle cose dimostra che il mondo è in fase di transizione e si risveglia dal letargo imposto dalla élite globale. Mi auguro che il senso comune del mondo multipolare e le giuste relazioni prevalgano.


Contrainjerencia

domenica 7 febbraio 2016

Regeni, Greta, Vanessa e l'intelligence italiana finanziatrice di IS e "amici"

21704
Bersani e la sua loggia anti-siriana, prima dell'avvento del democratico Renzi (amico di Washington e Tel Aviv). 

Dal blog personale di Marco Gregoretti riportiamo tale informazioni dell'ultima vicenda italiana.

La notizia che arriva al mio blog è piuttosto circostanziata: Giulio Regeni, il ricercatore universitario di 28 anni, scomparso il 25 gennaio e trovato morto in un burrone al Cairo la sera del tre febbraio scorso, era un agente dell’Aise (Agenzia Informazione di Sicurezza Estera), il servizio segreto italiano che si occupa di “minacce provenienti dall’estero”. In pratica l’intelligence che ha preso il posto del vecchio Sismi. Dunque tutto quello che riguarda terrorismo internazionale, Isis, Califfo, Al Qaeda, Boco Haram, narcotraffico, traffico di organi, di essere umani e di armi, passa attraverso l’Aise

Il logo dell'Aise, servizio segreto italiano per l'estero
"Il logo dell'AISE"

A quanto risulta a questo blog, Regeni era stato arruolato qualche anno fa quando i servizi segreti italiani cominciarono a fare campagna pubblica per arruolare nuovi operatori chiedendo il curriculum. Quello di Regeni, a quanto pare, sarebbe stato in linea con le aspettative: buone conoscenze informatiche e dimestichezza con le lingue straniere, master vari. Era stato inviato in Usa prima e a Londra dopo. Poi, con la scusa della tesi di laurea, da sei mesi si trovava in Egitto. E la sua collaborazione giornalistica con il Manifesto, come successe anche per altri nel recente passato, funzionava da perfetta copertura. Secondo le informazioni che ho raccolto i motivi della sua morte, oramai è appurato che sia stato ucciso, sarebbero da ricercare proprio nella sua azione in Egitto. Al suo arrivo al Cairo si sarebbe subito messo in contatto con organizzazioni anti Abdel Fattah al Sisi, il Presidente egiziano. I servizi segreti egiziani lo tenevano d’occhio da tempo in quanto “fomentava l’opposizione”. Il 25 gennaio sarebbe stato “catturato” dall’anti-terrorismo egiziano che lo avrebbe torturato, menomato, tagliandogli le orecchie e il naso, violentato e ucciso. Secondo alcune fonti la morte di Regeni sarebbe da interpretare come una sorta di avvertimento ai servizi italiani: “Non ingerite maldestramente”.

Giulio Regeni era un agente dell’Aise?
Giulio Regeni

Una minaccia che arriva in un momento particolarmente delicato della nostra intelligence dopo la conferma che per la liberazione delle due cooperanti Greta e Vanessa sarebbe stato pagato dall’Italia un cospicuo riscatto. Si è parlato di dodici milioni di euro. In realtà sarebbero stati 13, ma uno sarebbe rimasto attaccato a qualche manina italica. Chi si è fregato un milione di euro? Questa situazione poco chiara ha provocato anche un terremoto all’interno dei servizi segreti italiani: 86 operatori, compresi alcuni in posizioni apicali, sono stati “licenziati”. Alla luce di tutto ciò quella telefonata di Al Sisi al Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi :”Perseguiremo ogni sforzo per togliere ogni ambiguità e svelare tutte le circostanze”, non fa dormire sonni tranquilli ai nostri governanti. Qualcuno dall'interno dice: “Si sono mossi Mattarella e Renzi. Sono tutti con il pepe al culo”. 

di Marco Gregoretti (Blog di Marco Gregoretti
Una vicenda che coinvolge anche il Manifesto, disinformazioni in merito alla collaborazione dello stesso Giulio per il quotidiano. Corriere della Sera

Una vicenda, quella di Giulio Regeni, che riporta alla mente quella delle cooperanti Greta e Vanessa. 

Greta Ramelli e Vanessa Marzullo sono le ‘cooperanti’ filo-islamiste scomparse il 1 agosto nella provincia di Aleppo, in Siria, dopo essere state infiltrate dai servizi segreti italiani e turchi in territorio siriano. La Farnesina, ovvero il ministero degli Esteri italiano, al solito sproloquia di “progetti umanitari nel settore sanitario e idrico” seguiti dalle cooperanti. Le due ‘cooperanti’ operano assieme a Roberto Andervill dell'IPSIA Varese, ONG delle ACLI, che dopo essersi distinto in Bosnia e Kosovo , dove la presenza islamista è notevole, è divenuto un attivista a favore della “Rivoluzione antigovernativa”. Con Marzullo e Ramelli ha creato il progetto Horryaty (“per servizi idrici, sanitari e culturali” da sviluppare in Siria, a credergli) e per cui si sono infiltrati nell’area rurale di Idlib dalla Turchia, accompagnati dai terroristi che affliggono la Siria e con l’evidente supporto dei servizi d’intelligence italiani e turchi, (ovvero della NATO). Andervill, a conferma dei sospetti, il 7 agosto ha chiuso la pagina facebook del progetto Horryatyproprio quando due suoi elementi sono ‘scomparsi’. Strane le affermazioni del soggetto: “E’ lei che ha mandato le due ragazze in Siria? “Assolutamente no. Intanto chiariamo una cosa: Horryaty non è un Organizzazione Governativa o una Onlus. E’ semplicemente un gruppo di tre persone che hanno a cuore un paese e hanno deciso di fare qualcosa per aiutarlo”.” Quindi? Una comitiva per una scampagnata, o qualcos’altro d’incofessabile? Tale presa di distanza suscita solo ulteriori sospetti. 

Nessun dubbio sulle finalità politiche di simili iniziative 'umanitarie'

La ‘cooperante’ Vanessa Marzullo si felicita per le imprese dei terroristi di al-Nusra



Aurorasito.Wordpress.com

giovedì 4 febbraio 2016

La Fondazione Rockefeller proprietaria del virus Zika

Screenshot-580

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato il virus Zika emergenza sanitaria globale il 1° febbraio, fornendo pochi dettagli sulla malattia. Quindi ecco alcuni fatti fino a ulteriori informazioni. Questo virus trasmissibile per via sessuale è in circolazione da 69 anni ed è commercializzato da due società: LGC Standards (nel Regno Unito) e ATCC (negli Stati Uniti). Il Gruppo LGC è: “… l’Istituto Nazionale del Regno Unito per le valutazioni dell’industria chimica e le misure bio-analitiche, leader internazionale nei servizi per laboratori, campionamenti, materiali di riferimento e nel mercato sui test sul genoma e di compatibilità”. Uno dei rami, LGC Standards, è: “…Uno dei principali produttori e distributori globali di materiali di riferimento e programmi di verifica. Con sede a Teddington, Middlesex, Regno Unito, LGC Standards ha una rete di uffici di vendita dedicati in 20 Paesi di 5 continenti con più di 30 anni di esperienza nella distribuzione di materiali di riferimento. Questi prodotti e servizi di alta qualità sono essenziali per la misurazione accurata di analisi e il controllo di qualità, garantendo decisioni sicure sulla base di dati affidabili. Abbiamo un’eccezionalmente ampia guida ISO 34 sui materiali di riferimento accreditati presso 4 strutture produttive nel Regno Unito, Stati Uniti e Germania”LGC Standards è in partnership con ATCC, che è: “…La prima organizzazione globale in risorse di materiale e norme biologici la cui missione è volta ad acquisizione, autenticazione, produzione, conservazione, sviluppo e distribuzione dei microrganismi standard di riferimento, linee cellulari e altri materiali. Pur mantenendo la raccolta di materiali tradizionali, ATCC sviluppa prodotti di alta qualità, standard e servizi a sostegno della ricerca scientifica e delle scoperte che migliorano la salute generale delle popolazioni“. Questa “Partnership ATCC-LGC” è progettata per facilitare: “… La distribuzione di colture e bio-prodotti dell’ATCC ai ricercatori delle scienze della vita in Europa, Africa, India e […] per rendere l’accesso alle grandi risorse dell’ATCC più facilmente accessibile per le comunità scientifiche europea, africana e indiana, gli stock locali con oltre 5000 singole colture sono supportati dalla nostra rete di uffici locali offrendo ai clienti i migliori servizi e supporto tecnico“. E chi possiede il brevetto del virus? La Fondazione RockefellerPerché la questione della proprietà dei brevetti del virus Zika non è oggetto dei media? Per non dimenticare le parole di David Rockefeller nell’indirizzo a un vertice della Commissione trilaterale nel giugno del 1991, “Siamo grati a Washington Post, New York Times, Time Magazine e altre grandi pubblicazioni i cui direttori partecipano ai nostri incontri e rispettano la promessa di discrezione da quasi 40 anni. … Ci sarebbe stato impossibile sviluppare il nostro piano mondiale se fossimo stati sottoposti alle luci della pubblicità in quegli anni. Ma il mondo è più sofisticato e pronto a marciare verso un governo mondiale. La sovranità sovranazionale dell’élite intellettuale e dei banchieri mondiali è sicuramente preferibile all’autodeterminazione nazionale esercitata nei secoli passati”. La proprietà del virus Zika della Rockefeller Foundation rientra nel programma di “sovranità sovranazionale (dominata) da un’élite di intellettuali e banchieri mondiali…“? Importante, il virus Zika può essere stato acquistato on-line dalla ATCC-LGC per 599 euro, a favore della Fondazione Rockefeller.

Global Research