Post in evidenza

Probabile ennesimo falso attacco chimico vicino Damasco, Ayn Tarma

Attenzione: Ennesimo attacco chimico (con molta probabilità falso) avvenuto in territorio siriano. La notizia non è stata, momentaneament...

domenica 29 maggio 2016

La stampa saudita accusa il governo USA nella demolizione delle Twin Towers


In risposta al voto unanime  del Senato degli Stati Uniti per consentire alle famiglie delle vittime dell'11 settembre di citare in giudizio l'Arabia Saudita in una corte federale, un rapporto pubblicato dal Al-Hayat Daily  con base a Londra, dall'esperto di faccende legali dell'Arabia Saudita esperto Katib Al-Shammari, sostiene che gli Stati Uniti abbiano architettato gli attacchi terroristici come mezzo per creare un menico oscuro per raccogliere il sostegno pubblico per una guerra globale contro il terrorismo.

Il rapporto da Al-Shammari, tradotto dal Middle East Media Research Institute (MEMRI), sostiene che la politica americana di lunga data è “costruita sul principio della pianificazione anticipata e sulle probabilità future”, che gli Stati Uniti hanno ora rivolto verso il regime saudita dopo essere stato impiegato con successo prima contro i talebani e Al-Qaeda, poi Saddam Hussein e il suo Iraq a controllo Baathist.

Al-Shammari sostiene le recenti minacce degli Stati Uniti di “esporre” documenti riguardanti il governo saudita sono semplicemente la continuazione di una politica degli Stati Uniti, che chiama “la vittoria per mezzo di archivio”. Egli mette in evidenza che durante l’invasione iniziale dell’Iraq, sotto George HW Bush, Saddam Hussein è stato lasciato vivo e al potere per essere utilizzato come “merce di scambio” ma, quando in seguito, ha deciso che non era “più il suo asso nella manica” Washington ha deciso a rovesciare il suo governo e installare un partito di governo appoggiato dagli Stati Uniti.

Gli attacchi terroristici dell’11 Settembre sono ora l’ “asso nella manica” del governo degli Stati Uniti, secondo Al-Shammari.

 “L’11 Settembre è una delle carte vincenti negli archivi americani, perché tutte le persone sagge in tutto il mondo, esperte in materia di politica americana e che analizzano le immagini ed i video [dell’11/09] concordano all’unanimità che quello che è successo nelle [twin] Towers fosse un’azione americana, pianificata ed eseguita dall’interno. A prova di questo ci è la sequenza di esplosioni continue che drammaticamente fuoriuscivano attraverso entrambi gli edifici … ingegneri strutturali le hanno demolite con esplosivi, mentre gli aerei che si sono schiantati [su di loro] dato solo il semaforo verde per la detonazione – non erano la causa del crollo. Ma gli Stati Uniti hanno rivolto la colpa in tutte le direzioni. [Questa politica] può essere nominata ‘vittoria per mezzo di archivi. “

L’impeto dietro gli attacchi, scrive Al-Shammari, era quello di creare “un oscuro nemico – il terrorismo – che è diventato quello cui i presidenti americani danno la colpa di tutti i loro errori” e che avrebbe fornito una giustificazione per qualsiasi “operazione sporca” in qualsiasi nazione.

Secondo il rapporto di al-Shammari in Al-Hayat:

 “L’11 settembre, gli Stati Uniti hanno raggiunto numerose vittorie, allo stesso tempo, tanto che [anche] [i falchi che erano in quel momento] alla Casa Bianca non potevano immaginare. Alcuni di essi possono essere elencati di seguito:
1. Gli Stati Uniti hanno creato, nell’opinione pubblica, un nemico oscuro – il terrorismo – che è diventato quello che i presidenti americani accusano di tutti i loro errori, esso è divenuto anche il pretesto per qualsiasi operazione sporca che i politici americani e le figure militari desiderano svolgere in qualsiasi paese. L’etichetta di terroristi è stata applicata ai musulmani, e in particolare all’Arabia Saudita.
2. Utilizzando questo incidente (11/09), gli Stati Uniti hanno lanciato una nuova era di armamento globale. Tutti volevano di acquisire tutti i tipi di armi per difendersi e allo stesso tempo battere il nemico oscuro, il terrorismo – [anche se] fino a questo momento non sappiamo l’essenza di questo terrorismo di cui gli Stati Uniti parlano, tranne che è islamico …
3. Gli Stati Uniti hanno costretto il popolo americano a scegliere tra due opzioni: o vivere in pace [ma] rimanere esposti al pericolo di morte [dal terrorismo] in qualsiasi momento, o morire di fame in sicurezza, perché [bilancio del paese sarà speso per l’invio] in operazioni militari in qualunque luogo, anche su Marte se necessario per difenderli.

La stampa saudita è frenetica dopo il voto unanime del Senato che consente che la Casa di Saud sia ritenuta responsabile dalla corte federale degli Stati Unti per gli attacchi dell’11/09; gli Stati Uniti vengono ora accusati di essere alleati con l’Iran (…).

Al-Shammari rende estremamente chiaro che egli vede il problema nella macchina imperiale degli Stati Uniti e afferma:

“la natura degli Stati Uniti è che non possono esistere senza un nemico.”
La natura degli Stati Uniti è che non possono esistere senza un nemico … [Per esempio,] dopo un periodo durante il quale non hanno combattuto nessuno [cioè dopo la seconda guerra mondiale], gli Stati Uniti hanno creato un nuovo tipo di guerra – la guerra fredda … Poi, quando l’era sovietica fu conclusa e dopo che noi musulmani abbiamo aiutato le religioni e combattuto il comunismo per loro [degli americani] conto, hanno cominciato a vedere nei musulmani il loro nuovo nemico! Gli Stati Uniti ha visto la necessità di creare un nuovo nemico – e pianificato, organizzato e realizzato tutto questo [hanno cioè accusato i musulmani di terrorismo]. Questo non finirà mai finché non [gli Stati Uniti] non realizzeranno gli scopi che si sono prefissati.

Mentre sembra che combattere il terrorismo islamico sia importante per aumentare la paura e la propaganda di Stato destinata a spingere la popolazione ad accettare passivamente la perdita della libertà per promesse di una maggiore sicurezza, il complesso militare-industriale ha bisogno di un nemico più grande per giustificare il proprio budget da 600 miliardi di dollari all’anno, inizia così il passaggio all’etichettatura Russia / Cina come “aggressivi” nel tentativo di cominciare a passare da un uomo nero all’altro, più redditizio.

Activist Post 

http://2.bp.blogspot.com/-RK-uTOHd7_c/Vnq_YP21q-I/AAAAAAAABy0/iUx_v4GDquk/s1600/NEWS_231876.jpg

Chi sono loro ?

http://www.papaboys.org/wp-content/uploads/2013/12/nuovo2.jpg

LORO sono le persone che hanno fabbricato  il pretesto per la guerra in Vietnam e per le guerra in Iraq.

LORO sono le persone che ci spiano illegalmente.

LORO hanno negato che ci stavano spiando per anni nonostante ci fossero le prove del contrario e, allo stesso tempo che stavano costruendo un vasto e illegale carcere tecnologico intorno a noi.

LORO sono quelli che commettono crimini di guerra riservando la galera a quelli che rivelano i loro omicidi.

LORO sono quelli che torturano e imprigionano gente al di fuori di qualsiasi quadro giuridico o morale.

LORO sono i banchieri criminali che si ricompensano con i salvataggi e con rinvii a guidizio per i loro crimini.

LORO fanno miliardi distruggendo il futuro economico di milioni con Schemi Ponzi dando la colpa alle loro vittime.

LORO sono complici che proteggono le persone che stanno commentendo crimini contro l'umanità, invece di indagare e rivelarli.

LORO sono quelli che nel tentativo di ritraare le persone che mettono in dubbio le motivazione ela moralità dei pianificatori globali come paranoici.

LORO vengono esposti da informatori personali e giormalisti investigativi ed i loro giorni sono contati.

Global Research

http://www.globalresearch.ca/wp-content/uploads/2016/05/USA-Empire-400x249.jpg

Armi e jihadisti di Al-Nusra scorrono tutti i giorni dalla Turchia alla Siria

 

Mentre legete questo rapporto abbiate bene in mente che la Turchia è un membro della NATO. Il Tenente Generale russo Sergey Rudskoy ha pubblicato un rapporto che condanna affermando esplicitamente che il sostegno materiale al gruppo terroristico Al-Nusra e Al-Qaeda, arrivi direttamente dalla Turchia quotidianamente: Il flusso senza fine di grandi camion che trasportano armi dalla Turchia e munizioni attraverso il confino turco-siriano. Questo constante avenzamento di armi permette ai terroristi di Al-Nusra di continuare la loro provocazione contro il governo nazionale siriano; tutti sanno, e i nostri partner americani ammettono che i punti caldi delle operazioni militari attive si trovano in quelle parti della Repubblica siriana dove i terroristi di Al-Qaeda affiliati ad Al-Nusra corrono dilaganti. E' molto chiaro che il gruppo terroristico di Al-Nusra, attivo nella regione di Aleppo e Idlib, è il principale ostacolo per espandere il cessate il fuoco nelle zone settentrionali della Siria. La situazione sarebbe molto diversa se questo constante flusso di armi e jihadisti non sarebbe permesso nell'attraversamento della Turchia. Perché l'Occidente non fa nulla per fermare l'aperto sostegno della Turchia al terrorismo ?

http://www.globalresearch.ca/weapons-and-jihadists-for-al-nusra-flowing-daily-from-turkey-into-syria/5527591 

Risolto il mistero delle Toyota in dotazione allo Stato Islamico

sabato 21 maggio 2016

La cospirazione dell'MS804



ICTS è presente anche in Italia, con Centro di Coordinamento Nazionale stanziato a Roma.

ICTS Italia

"Dati Leaked" indica che il volo MS804 era in fiamme prima che si schiantasse, come hanno indicato i rilevatori di fumo per quasi tre minuti prima che iniziasse la sua rapida discesa. Gli esperti non hanno escluso l'uso di un "ordigno incendiario". Secondo l'analista dell'aviazione della CNN David Soucie c'erano fumo e calore in una piccola finestra vicino al co-pilota. Il volo EgyptAir MS804 sarebbe stato abbattuto da una bomba stile Lockerbie. Nel mese di Aprile del 2016, Paul Ryan era in Israele. Il 20 maggio 2016, un giorno dopo i fatti del volo EgyptAir MS804il Ministro della Difesa Israeliana, Moshe Yaalon, si è dimesso. Egli ha dichiarato che Israele è stata presa da "estremisti ed elementi pericolosi": le dichiarazioni di Moshe Yaalon. Nel 1973, il volo Libyan Arab Arlines 114 fu abbattuto da Israele. Israele abbatte aereo libico. La sicurezza all'aeroporto di Parigi, Charles De Gaulle, è fornito dall'azienda israeliana ICTS. Quest'azienda, ICTS, gestisce anche la sicurezza all'aeroporto di Bruxelles. ICTS fu fondata nel 1982 da ex membri dello Shin Bet, agenzia di sicurezza interna israeliana.



John Goglia, un'ex membro dell'US Nationals Transportation Safety Board degli Stati Uniti d'America, indica ad un'ordigno. Come leggiamo da questo articolo su Euronews, secondo alcuni responsabili per la sicurezza europea, nessuno dei passeggeri compariva nella lista internazionale di potenziali terroristi.

Gli incidenti nella storia della società israeliana ICTS:


Aanirfan



Come ha fatto un missile o un'ordigno ad abbattere l'EgyptAir MS804 ?

1) La sicurezza all'aeroporto di ParigiCharles De Gaulle, è fornito dall'azienda israeliana ICTSSicurezza all'Aeroporto di Parigi, Charles De Gaulle, da parte di ICTS.

2) Gli Stati Uniti stavano svolgendo delle esercitazioni navali in quella zona, dove è precipitato il volo MS804. La scomparsa dell'MS804.

3) Goon Squad ci ricorda che ICTS si aggiudicò nuovamente il contratto con l'Aeroporto di Charles De Gaulle a Parigi.

4) ICTS ha fornito "sicurezza a tutti gli aeroporto utilizzati dagli attentatori dell'11 settembre 2001".

5) L'Intelligence francese ha avvertito di imminenti attacchi ISIS poco prima della caduta dell'MS804. L'Intelligence francese e l'ISIS.

Aanirfan

martedì 17 maggio 2016

Il Venezuela nel mirino della destabilizzazione politica

Lorent Gómez Saleh

Articolo pubblicato originariamente il 19 novembre 2014. 

Dei rapporti mediatici latino-americani riportano, con allarmante regolarità, determinati sequestri da parte delle forze dell'ordine, grandi spedizioni di armi prodotte negli USA. Tali eventi sono all'ordine del giorno in Nicaragua, Ecuador, Argentina, Bolivia paesi che l'amministrazione Obama considera ostili, per questioni politiche. Ma il più delle volte, la scoperta di armi e munizioni proviene dal Venezuela. Rovesciare il regime di Nicolas Maduro è fondamentale per Washington e le diverse agenzie di intelligence degli USA utilizzano zone strategiche per nascondere armi di piccolo calibro, munizioni ed esplosivo, tutto per l'inevitabile e programmata ora "x". Cartelli della droga controllati da CIA e DEA sono spesso utilizzati come copertura per tali operazioni, così come il gruppo rivoluzionario marxista colombiano FARC, Una volta che la violenza con guerriglieri, si placa, gruppi simili vengono indirizzati verso il Venezuela. La CIA usufruisce anche di determinati aerei per trasportare munizioni e armi per le regioni più remote del Venezuela come lo stato di Apure, Amazonas e Bolivar dove sono stati stabiliti bunker e arsenali segreti.


José Guillen, della Guardia Nazionale Boliviana, è stato ucciso il 17 marzo nella città di Maracay. Colpito dietro alla testa, molto probabilmente da un cecchino professionista, utilizzando un'arma che si avvicina ad un fucile M24E1, che ha raggiunto un raggio d'azione fino a 1.300 M. Un'inchiesta è stata avviata subito dopo la sua morte, che ha individuato i nomi di determinati militanti tra le fila dei movimenti di opposizione radicale. Con una serie di attacchi terroristici a dei membri della Guardia Nazionale e di altri gruppi del governo centrale. L'ultimo rapporto su dei arsenali illegali in Venezuela sono venuti alla luce poco tempo fa, in un archivio segreto a Maracay, appartenente a Eduardo José Guerreiro, 68 fucili (la maggior parte con mirino telescopico), scoperti circa 15.500 munizioni e 200 Kg di polvere da sparo. Le armi molto probabilmente erano disponibili per la famosissima ora "x". La stazione della CIA in Venezuela sta cercando di accendere un'esplosione di malcontento popolare, che provocherà una rivoluzione colorata.


In un'intervista televisiva, il presidente dell'Assemblea Nazionale, Diosdado Cabello, ancora una volta ha dichiarato che le azioni sovversive dei gruppi estremisti in Colombia sono diretti verso il governo centrale venezuelano. Lo stesso presidente, Diosdado, ha dichiarato che l'ambasciata degli Stati Uniti a Caracas, con l'aiuto delle ONG, continua ad amministrare un programma di addestramento di giovani menti denominata (Giovani Ambasciatori). L'obbiettivo di questo programma on è solo il lavaggio del cervello ma anche quello di formare veri e propri attivisti in lotta contro il regime. Il sistema di catena di montaggio per la formazione di nuovi leader è attivo e funziona. I servizi di intelligence statunitensi stanno adottando misure drastiche, per eliminare giovani leader dell'opposizione venezuelana, come è successo nel mese di ottobre, dove un parlamentare del Partito Socialista di Hugo Chavez di 27 anni di nome Lorent Gomez Saleh, è stato assassinato nella propria dimora e subito dopo anche la sua ragazza è stata ritrovata morta dalle autorità sanitarie venezuelane. Questi sono segnali quindi di una vera e propria destabilizzazione politica, condotta da Bogotà e Washington, lo stesso Presidente Nicolas Maduro, ha accusato le organizzazioni militari colombiane per questi gesti e che secondo lo stesso presidente fanno parte di questo piano di rottura sociale e politica.

sabato 14 maggio 2016

Il Calendario Maya terminerà il 21 maggio 2016 ?

d1c817d7cb746a0e510f6a706700bbd0.jpg

Sulla base delle ultime notizie e degli eventi cosmici, sembra che il Calendario Maya si concluderà sabato, 21 maggio 2016. Questa è l'Apocalisse, il giorno del giudizio e la fine dei tempi che fu profetizzata da secoli. Ma non abbiate paura, l'età messianica arriverà. L'ide che il 21 maggio 2016 sarà la fine del Calendario Maya fu prefigurata da una campagna mediatica condotta da Harold Camping sostenendo che il giorno del giudizio avrà luogo il 21 maggio 2011, così come la profezia della "luna di sangue" che si è compiuta con la sesta eclisse (vale a dire il sesto sigillo) il 9 marzo 2016. Secondo il Dr. John B. Carlson, direttore della University of Maryland Center per l'Archeoastronomia, "il Calendario Maya non si concluse il 21 dicembre del 2012 e non vi furono profezie Maya che predicavano la fine del mondo in quella data". In altre parole, il Calendario Maya è in corso e si concluderà in una data futura. Questa nozione è corroborata dal fatto che il Calendario Maya profetizzò la fine del Quarto mondo, che ovviamente non fu il 21 dicembre 2012, che è stata erroneamente considerata come la data finale di un 5125 lunghi cicli annuali. Il calendario maya (vale a dire "Calendario Maya") gli fu attribuito il rispettivo nome perché termina il mese di "maggio" (M+Y), un termine considerato l'equivalente di "Maya" (M+Y). Ecco perché è intitolato "il calendario di maggio", non il "calendario di dicembre". Di conseguenza, si può dedurre che, gli eventi cosmici di trasformazione del 21 dicembre 2012, si verificheranno in futuro, come profetizzato dai Maya. Dal momento che il calendario Maya è astrologicamente complesso di natura, è ovvio che la sua data finale dovrebbe culminare con eventi astrologici. Anche se il calendario Maya si concluse il 21 dicembre 2012, non vi furono eclissi lunari (lune di sangue), allineamenti planetari e eclissi solari. In altre parole, nonostante tutta la campagna propagandistica di Hollywood che circonda tale data, non vi furono eventi cosmici. Questo però non è il caso con il 21 maggio 2016. L'allineamento planetario di Giove, Marte, Mercurio, Saturno e Venere del 20 gennaio 2016 fino al 20 febbraio 2016 sembrano essere eventi di 5125 anni, che servono per avvertire l'intera umanità.

https://truthernews.wordpress.com/2016/05/13/10-reasons-why-the-maya-calendar-will-end-on-may-21-2016/

928.jpg

venerdì 13 maggio 2016

Colpo di Stato sponsorizzato da Washington in Brasile


Wikileaks ha rivelato, che il nuovo presidente del Brasile ad interim, Michel  Terem, era un informatore dell'ambasciata per l'intelligence degli Stati Uniti.

Secondo il sito web di whistleblowing, Temer ha comunicato con l'ambasciata degli Stati Uniti in Brasile tramite telegramma e tali contenuti sarebbero stati classificati "sensibili" e "per uso personale". 

Due telegrammi furono rilasciati, datati 11 gennaio 2006 e 21 giugno 2006. 

Uno mostra un documento inviato da San Paolo, Brasile agli altri destinatari del US Command Southern a Miami. In esso, Temer discute della situazione politica in Brasile durante la presidenza di Lula Da Silva




Per quanto riguarda le elezioni del 2006, quando Lula fu rieletto, Temer condivise gli scenari per le quali il suo partito (PMDB) vincerebbe le elezioni. 

Temer ha sostituito Dilma Rousseff, che è stata sospesa dal suo incarico all'inizio di questa settimana, dopo che il Senato ha approvato l'impeachment contro di lei. 

Gli USA non vedono di buon occhio la politica estera del paese latino-americano. 

Temer è molto probabilmente un uomo della CIA, coinvolto per volere di Washington, all'interno della questione Dilma Rousseff


Sopra, le facce dei golpisti. 

domenica 8 maggio 2016

Bioattacchi alla metropolitana di New York stile Jade Helm

    "Simulazione attacco terroristico chimico in Francia a marzo di quest'anno"

Seguendo "Jade Helm" l'estate scorsa, nel 2016 sembrano aver visto un'intensificazione nelle agitazioni sociali e reazioni di minaccia per il terrorismo nazionale fra le autorità dell'America.

Piani di formazione per rivolte interne condotte dalla FEMA  nel sud est il mese scorso, carri armati attraversano Houston la scorsa settimana e adesso il Dipartimento per la Sicurezza Interna prepara un'attacco falso stile bioterrorismo alla metropolitana della città di New York.

L'estate scorsa lo stato del Texas era in fiamme sulle preoccupazioni che circondavano le esercitazioni Jade Helm e che portarono ad ipotizzare che il governo federale stava preparando un'insurrezione locale, per un piano di secessione o un cambio di amministrazione del Texas.

Una confusione simile è arrivata all'inizio di quest'anno quando decine di studenti del McLennan Community College si sono presentati disobbedienti, come parte di un programma di formazione del FEMA. Questo "primo del suo genere" tre giorni di esercitazioni a Waco, in Texas, è stato supervisionato dal Dipartimento per la Sicurezza Interna, durante il quale gli agenti di polizia provenienti da quindici diversi reparti hanno partecipato a esercitazioni su come trattare rivolte ed eseguire arresti di massa.

E ora, come riporta intellihub, il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale si prepara ad intraprendere attacchi bioterroristi a New York.




giovedì 5 maggio 2016

C'è vita dopo la morte, secondo i medici universitari di Berlino



Un team di psicologi e medici associati alla Technische Universität Berlin di Berlino, hanno annunciato pochi giorni fa, che avevano dimostrato dalla sperimentazione clinica, l'esistenza di una qualche forma di vita dopo la morte.

Questo annuncio sorprendente, si basa sulle conclusioni di uno studio in cui è stata utilizzato un nuovo tipo di droga, che sotto la super visione medica, permettono ai pazienti di essere clinicamente morti per quasi 20 minuti prima di essere riportati in vita. Quindi in questa fase i pazienti sperimentano "un'esperienza pre-morte."

Questo processo controverso, che è stato ripetuto su 944 volontari negli ultimi quattro anni, necessita di una miscela complessa di sostanze stupefacenti tra cui l'Adrenalina Dimethyltryptamine, che permettono al corpo di sopravvivere allo stato di morte clinica e il conseguente processo di rianimazione senza danni.

Il corpo del soggetto è stato poi messo in uno stato di coma temporaneo, indotto da una miscela di altri farmaci che dovevano essere filtrati, sia dall'ozono, sia dal suo sangue durante il processo di rianimazione 18 minuti più tardi.

La lunghissima durante dell'esperienza è stata solo recentemente resa possibile, grazie allo sviluppo di una nuova macchina di rianimazione cardiopolmonare chiamata AutoPulse. Questo tipo di apparecchiatura è già stata utilizzata nel corso degli ultimi anni per rianimare la gente che era morta da qualche parte, nell'arco di tempo di 40 minuti e un'ora.

Il team di scienziati guidati dal Dottor Berthold Ackemman, hanno monitorato le operazioni e hanno documentato le testimonianze dei soggetti che hanno subito l'esperienza pre-morte. Sebbene vi siano delle lievi variazioni da un'individuo all'altro., tutti i soggetti hanno alcuni ricordi del loro periodo di morte clinica.

Si, c'è vita dopo la morte e sembra che questo vale per tutti.