Post in evidenza

Il Venezuela nel mirino della destabilizzazione politica

Articolo pubblicato originariamente il 19 novembre 2014.  Dei rapporti mediatici latino-americani riportano, con allarmante regolarità,...

mercoledì 4 novembre 2015

Probabili retroscena nel Sinai



Una fonte dell'Intelligence russa ha appena confermato che il governo russo non annuncerà i suoi risultati in merito al disastro aereo A321 nel Sinai.

Kaiser_544

Tuttavia, la loro Intelligence solidamente reputa responsabile l'Arabia Saudita per il disastro aereo che ha ucciso circa 244 persone. L'Intelligence egiziana fu totalmente complice dell'attacco terroristico.

Le fonti dichiarano: "La metà degli egiziani opera per Israele, l'altra metà per l'Arabia Saudita, l'Egitto non possiede efficienti servizi di sicurezza ma soltanto spie pagate." 

Le fonti a Mosca dichiarano di non avere nessun dubbio.

I sauditi tenterebbero qualcosa di simile nel giardino di Israele senza implicarsi in qualche modo ?

Veterans Today

Questo quindi potrebbe spiegare il perché l'Egitto stia producendo un mucchio di disinformazione in merito alla distruzione del jet russo.


Diversi paesi con le rispettive sezioni dell'aeronautica si sono riunite nel deserto di Arava nel sud di Israele per partecipare alla più grande esercitazione dell'aeronautica israeliana.

"Esercitazione Bandiera Blu" comprende l'aeronautica israeliana, quella statunitense, quella ellenica e infine quella polacca.

Israeli pilots, whose faces have been blurred for security reasons, walk over to their aircraft during the 'Blue Flag' exercise at Ovda Airfield near Eilat on Oct. 26, 2015. (Israel Air Force)
"Una foto dell'esercitazione"

Times of Israel

Quindi viene riferito che il personale israeliano e statunitense stava effettuando un esercitazione militare vicino l'area dello schianto del jet russo casualmente durante le stesse ore del giorno.

Da altre voci invece si innalza la presenza sul jet russo di un ordigno.

"Parecchi esperti militari dichiarano che una bomba, con un timer o controllata avviata in quota, sembra essere adesso la causa più probabile dell'incidente aereo russo nel deserto del Sinai in Egitto."

"L'agenzia di stampa russa TASS ha riferito che i detriti trovati lungo il luogo dell'incidente non appartengono al jet russo."

Come è possibile ?

Fonte ritrovamento detriti: Tass.ru

L'ennesima operazione sotto falsa bandiera, targata (Occidente, Nato, Israele, Arabia Saudita) ?

"Osservando determinate fonti, queste, riusciamo ad estrapolare determinate informazioni. Il yet russo è precipitato a sud di Al-Arish vicino al confine israeliano e molto vicino anche a sistemi di Intelligence israeliana Unita 8200, posizionata sulla località di Kibbutz Urim. L'Unità 8200 riesce grazie a determinate tecnologie militari e informatiche a intercettare segretamente telefonate, e-mail ed altre comunicazioni. "

Questa funzione di Intelligence israeliana sarebbe stata capace di controllare e comunicare direttamente con il sistema di navigazione del jet russo.



Le autorità egiziane hanno dichiarato inoltre, che non fu inviato nessun segnale di soccorso dal yet russo, prima di scomparire totalmente dai radar.

Prima dello schianto uno dei piloti chiese un'atterraggio d'emergenza.

Aanirfan

Israele dietro l'incidente aereo russo ?

Uno scenario simile si vide con il volo della compagnia aerea Germanwings schiantatosi contro la parete di una montagna in Francia. 

Germanwings e il test degli USA

Il Ministero della Difesa russo segnalava che dispacci della Flotta del Nord (NF) sembravano indicare che l’abbattimento del Volo 4U9525 della Germanwings, nel sud della Francia sia il “risultato diretto” di un fallito test dell’US Air Force con il suo High Energy Liquid Laser Area Defense System (HELLADS) nel tentativo di abbattere un veicolo di rientro di un ICBM, ma che invece ha distrutto l’aereo civile uccidendo i 150 passeggeri a bordo.


Darina, il passeggero più piccolo tra le vittime dell'aereo caduto in Egitto. 

Nessun commento:

Posta un commento