Post in evidenza

Il Venezuela nel mirino della destabilizzazione politica

Articolo pubblicato originariamente il 19 novembre 2014.  Dei rapporti mediatici latino-americani riportano, con allarmante regolarità,...

martedì 5 gennaio 2016

To ! Guarda un po chi lavora assieme a SIIL ?!


Un militante dello SIIL (ISIS, ISIL o IS) ha dichiarato, all'agenzia di stampa internazionale, Sputnik, che la Turchia è compresa nell'affare sporco del petrolio con i gruppi Jihadisti. Mahmud Ghazi Tatar di 24 anni, ha percepito l'addestramento al confine con la Siria. Ha partecipato alla guerra civile in Siria fu catturato dalle milizie curde nel mese di giugno 2015 ed ora è ricercato. Nelle parole pronunciate da Ghazi Tatar molto petrolio è stato venduto a uomini d'affare i quali nomi non sono stati rivelati.


Il commercio del petrolio: grado per grado. 

Il petrolio estratto da Deir Ez-Zor e dall'Iraq è sotto continuo controllo da parte delle milizie islamiche, che lo vendono per pochi dollari al barile, a solo 25 dollari. Venduto ai commercianti indipendenti siriani e iracheni che fanno un proprio uso personale dei camion che lo trasportano. Il petrolio viene anche venduto alle raffinerie vicine per essere trasformato in petrolio o versato sul mercato del petrolio locale. Eppure la capacità dei compratori locali è limitata.

RT - Turkey and SI

Nessun commento:

Posta un commento