Post in evidenza

Il Venezuela nel mirino della destabilizzazione politica

Articolo pubblicato originariamente il 19 novembre 2014.  Dei rapporti mediatici latino-americani riportano, con allarmante regolarità,...

venerdì 22 luglio 2016

Chi c'è dietro alla guerra ibrida degli USA in Armenia ?


Katehon 20/07/2016

In Armenia, il confronto prosegue tra le forze di sicurezza e nazionalisti che hanno sequestrato la stazione di polizia nel distretto di Erebuni di Yerevan. Il vice capo della polizia, il generale Vardan Yeghiazaryan e il vice colonnello Valery Osipayan, capo della polizia di Yerevan, sono detenuti come ostaggi. Le agenzie di Intelligence sono in trattativa con gli aggressori, Tuttavia, non è stata esclusa la possibilità di presa della struttura.

Gli aggressori ovviamente contano sul sostegno della folla. Durante la presa della stazione di polizia, hanno ucciso un agente di polizia e possono adesso sperare di farla franca solo se possono riaccendere una conflagrazione rivoluzionaria. Forse l'attacco è stato destinato per questo. I sostenitori dei militari hanno cercato di organizzare una svolta folla per unirsi ai banditi e iniziare una rivoluzione. La richiesta principale dei militanti e dei loro sostenitori è la rimozione dal potere del presidente in carica, Serge Sargsyan, e la liberazione del loro leader Jirayr Sefilian, e una serie di altri prigionieri. In caso contrario promettono di avviare una rivolta armata in tutto il paese. "Abbiamo catturato una grande base di polizia a Yerevan e controllare il distretto di Erebuni", questo è ciò che hanno dichiarato.

I servizi speciali armeni non hanno ancora deciso di prendere d'assalto la stazione occupata, non solo per la ottima formazione dei militanti, che sono veterani della guerra del Karabakh. Nelle reti sociali vi è già una campagna glorifica gangster. Nel caso dell'eliminazione di questi militanti, possono divenire "martiri" che inneggiano ad altri ad agire.

E' necessario prestare molta attenzione ai personaggi che sostengono gli organizzatori di un attacco armato, e che si impegnano in azioni di protesta a sostegno.

Jirayr Sefilian è nativo del Libano che è arrivato in Armenia per prendere parte alla guerra del Karabakh nei primi anni del 1990. Ha esperienze di combattimento in Libano. In Karabakh, divenne uno dei famosi capi militari e gode del sostegno degli armeni della diaspora e dei veterani di guerra del Karabakh. Egli critica duramente la posizione di Yerevan sulla questione del Karabakh. Richiamato Sefilian per la ripresa delle ostilità contro l'Azerbaijan dopo la guerra nel aprile del 2016 è stato inoltre arrestato per contrabbando e possesso di armi.


Jirayr Sefilian

Sefilian creò "Il Parlamento Costituente", l'organizzazione radicale d'opposizione. Nel 2015, entra a far parte del consiglio di amministrazione della campagna di opposizione "Nuova Armenia", che ha tentato una rivoluzione colorata utilizzando come pretesto l'idea del governo di creare un referendum per la transizione verso una nuova forma parlamentare governativa. Ha ripetutamente criticato la Russia accusandola di sostegno per l'Azerbaijan. Sefilian appartiene all'ala estremista armena del partito nazionalista "Dashnaktsutiun" e ha una vasta esperienza in attività terroristiche.

Il gruppo che ha cercato di sostenere i militanti è stato guidato dai coordinatori dell'iniziativa denominata Arise Armenia, Andrias Ghukasyan e David Sanasaryan. In precedenza, hanno espresso il loro sostegno alla chiusura della base russa a Gyumri e delle proteste tenute contro l'Armenia per l'adesione all'Unione Doganale e alla CEEA.

Andrias Ghukasaryan è un attivista liberale. Nel 2015, è diventato uno degli organizzatori del movimento "Alzati Armenia" che ha sostenuto le proteste "Elettricità Yerevan" lo scorso anno. Egli si oppone anche alla cooperazione di difesa con la Russia.


Andrias Ghukasaryan

David Sanasaryan è laureato presso la School of Advanced International Studies Paul Nitze (con sede a Washington DC) presso la Johns Hopkins University e ricopre la carica di "Heritage" portavoce controparte per l'adesione dell'Armenia nell'Unione Doganale e l'unione Economica Eurasiatica. Sansaryan ha guidato molte volte proteste anti-russe e insieme ad altri attivisti del partito ha tenuto comizi a sostegno della Maidan in Ucraina nel 2014. Ha coordinato uno dei programmi del Fondo Soros in Armenia.


David Sansaryan

Il leader del partito "Heritage" è il primo ministro degli esteri dell'Armenia indipendente, Raffi Hovannisian. E' nato negli USA e vissuto negli Stati Uniti per quasi 30 anni. Ha abbandonato formalmente la cittadinanza degli Stati Uniti nel 2003. Nel 1990 era il ministro degli esteri nel governo filo-statunitense del presidente Levon Ter Pretosyan. Hovannisian ora è a capo dell'organizzazione dell'opposizione chiamata "Nuova Armenia" che comprende il comandante Jiray Sefilian.


Raffi Hovannisian

Nessun commento:

Posta un commento