Traffic Live

martedì 5 aprile 2016

Mossack Fonseca: nazisti, CIA e droga

MF-English-Photo

Questa psy-op del Panama Papers incoraggerà l'elitè di spostare i loro soldi negli Stati Uniti d'America

I Rothschild possiedono una società fiduciaria a Reno, Nevada

I Rothschild hanno spostato denaro fuori dai paradisi fiscali come le Bermuda, che sono soggetti a nuovi requisiti di divulgazione internazionale. 

Trident Trust Co., una delle maggiori società fiduciarie off-shore, ha dislocato centri fuori dalla Svizzera, Cayman e in altri luoghi come Sioux Falls, Sud Dakota

Il paradiso fiscale preferito al mondo sono gli Stati Uniti.

Juergen Mossack gestisce la società di Panama che aiuta l’élite ad evitare le tasse. Juergen è il figlio del defunto Erhard Mossack che lavorò per la CIA. Durante la seconda guerra mondiale, Erhard era un ufficiale delle SS. Daily Mail

Erhard potrebbe essere stato reclutato per l’Operazione Gladio della CIA effettuando terrorismo in Europa. C’è la convinzione che la CIA sia gestita da un’alleanza di nazisti, sionisti e mafiosi. C’è la convinzione che le fughe dei Panama Papers sia volto ad aiutare Soros, Rockefeller e le banche statunitensi contro i loro nemici, come le banche svizzere, inglesi, Putin e Assad

La CIA fa pieno uso di banche oscure ?

Osama Bin Laden aveva un conto presso la banca nota come la BCCI, gestita dalla CIA. Criminali al comando; BCCI e mafiosi…

Una fuga ‘massiccia’ di dossier dalla compagnia Mossack Fonseca di Panama svela l’uso di società off-shore, presumibilmente per evasione fiscale e riciclaggio di denaro, da parte di numerosi politici. Non c’è nulla di illegale nell’utilizzo di società offshore. I dati trapelate sono stati ottenuti dal quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung presso una fonte anonima. Piccoli sporchi segreti

Le fughe sarebbero volte a mettere in difficoltà i Paesi che la CIA intende per destabilizzare. Le fughe sembrano essere utilizzato per attaccare Assad in Siria, Putin in Russia e di altri nemici di CIA e Mossad. Gli Stati Uniti “hanno un grosso ruolo nel plasmare il destino di Panama“.

12961434

Craig Murray scrive:  I guardiani dei media corporativi proteggono 1% occidentale. Non si parla affatto dell’utilizzo di Mossack Fonseca da parte di grandi società e miliardari occidentali, suoi principali clienti. E il Guardian è rapido a rassicurare che ‘gran parte del materiale fuoriuscito rimarrà privato’. “Cosa vi aspettate? La fuga è gestito dal grandiosamente ma ridicolmente denominato ‘International Consortium of Investigative Journalists’, finanziato e organizzato interamente dal Center for Public Integrity degli USA, i cui finanziatori comprendono:

1459719490-9701-35e2e-2016-04-03-23-42-35png-1024x314

Tra gli elencati nei dossier trapelati vi sono:

Mauricio Macri – Presidente dell’Argentina
Macri, che ha promesso di combattere la corruzione, appare come direttore della Fleg Trading Ltd., costituita nelle Bahamas nel 1998, una connessione finanziaria che Macrì non rivelò nella dichiarazioni patrimoniali quando era sindaco di Buenos Aires.

Ian Cameron, padre di David Cameron
Cameron ha contribuito a creare e sviluppare la Blairmore Holdings Inc. a Panama nel 1982

Ayad Allawi, ex-premier iracheno
Allawi ha contribuito a sostenere la guerra contro Sadam Husayn. Allawi ha una società registrata a Panama, la FMI Holdings Inc., e un’altra società off-shore, la Moonlight Estates Ltd.

Sigmundur David Gunnlaugsson, primo ministro dell’Islanda
Gunnlaugsson ha portato il Partito Progressista alla vittoria dopo la crisi finanziaria del 2008. Gunnlaugsson e la ricca moglie sono proprietari di una società di comodo Isole Vergini inglesi, la Wintris Inc., che ha aveva quasi 4 milioni di dollari di obbligazioni in tre grandi banche islandesi. Non dichiarò la proprietà della Wintris entrando nel Parlamento nel 2009.

Re Salman al-Saud, re dell’Arabia Saudita
Attraverso una serie di società di comodo nelle Isole Vergini inglesi, il re saudita sembra aver avuto diverse mutui per case di lusso a Londra e “uno yacht di lusso lungo quanto un campo da calcio“.

Petro Poroshenko, presidente dell’Ucraina
Poroshenko divenne l’azionista unico della Prime Asset Partners Limited nel 2014.

Rami e Hafiz Maqluf, cugini del Presidente siriano Bashar al-Assad
Sembrano aver usato vari conti off-shore per evitare il congelamento dei beni.

Kojo, figlio del’ ex-segretario generale dell’ONU Kofi Annan
La ditta di Kojo vinse un grosso contratto preso il programma umanitario delle Nazioni Unite Oil-for-Food in Iraq. Koji Annan ha guidato diverse società di comodo off-shore.

Famigliari di Nawaz Sharif, premier del Pakistan
Le società offshore ‘sono gestiti dai figli di Sharif, Mariam, Husayn e Hasan’.

Arkadij e Boris Rotenberg, amici di Vladimir Putin
Guidavano almeno sette società di comodo nelle Isole Vergini inglesi. “Coinvolto in tutto, dagli investimenti in una importante società di costruzioni… all’acquisto di attrezzature per la costruzione di una villa italiana in Toscana per il figlio di Arkadij“.

Xi Jinping – presidente della Cina
Collegato a dei conti offshore



I leader nazionali nominati nella fuga:

1. il presidente dell’UAE Qalifa bin Zayad bin Sultan al-Nahyan
2. L’ex-prima ministra della Georgia Bidzina Ivanishvili
3. L’ex-primo ministro della Giordania Ali Abu al-Raghab
4. L’ex-primo ministro del Qatar Hamad bin Jasim bin Jabar al-Thani
5. L’ex-emiro del Qatar Shayq Hamad bin Qalifa al-Thani
6. L’ex-presidente sudanese Ahmad Ali al-Mirghani
6. L’ex-primo ministro dell’Ucraina Pavlo Lazarenko

Lord Ashcroft, baronessa Pamela Sharples e l’ex-deputato tory Michael Mates sono tra i politici inglesi nominati nella fuga dei dati. Daily Mail




Per tutte le emozioni dei media sui nomi in fuga e divulgati "Panama Papers", in questo caso rappresentato da una lunga lista di clienti della Mossack Fonseca, questa non è una storia in merito a super ricchi individui che possiedono tutto in loro potere sia legale che illegale, per evitare le tasse, conservare i loro anonimato finanziario e generalmente preservare la loro ricchezza. Dopo tutto, quello che hanno fatto non dovrebbe essere una sorpresa, sopratutto in seguito alle divulgazioni dello scorso anno dallo stesso Consorzio internazionali dei giornalisti investigativi (ICIJ) che ha rivelato una lista di 100.000 clienti HSBC che avevano evitato il pagamento.

Che cos'è la storia in merito all'evasione fiscale offshore e i paradisi fiscali, che basata sui dati della Banca Mondiale, FMI e Banche centrali nascondevano tra i 21 e i 32 trilioni di dollari, dove gli agenti registrati e studi legali in piccoli paesi dei Caraibi fanno il riciclaggio di denaro e la "scomparsa" di super ricchi, in numeri nascosti dietro le società shell, possibile.

Così, al fine di conoscere la vera protagonista di questa storia, lo studio legale panamense di Mossack Fonseca, siamo andati alla fusione che ha creato una storia affascinante della società, fondatori e eventi pietra miliare nella sua vita.

Questi includono la CIA, i nazisti, i signori della droga messicana e gli Stati Uniti.

In primis, c'è il collegamento tra nazisti e CIA:

La famiglia di Jurgen Mossack si trasferì qui nel 1960. Durante la seconda guerra mondiale, suo padre aveva lavorato per le "SS" nazionalsocialista, secondo un file dell'intelligence USA, ottenuto dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (ICIJ). Una volta a Panama, l'anziano Mossack si offrì per spiare i comunisti a Cuba per la CIA.

Ecco il collegamento con l'uomo della droga messicano Rafael Caro Quintero e della DEA:

Rafael Caro Quintero

Secondo un'e-mail interna del 2005, Jurgen, collaborava con un'azienda controllata dal signore della droga messicano Rafael Caro Quintero. Il co-fondatore del cartello di Guadalajara fu condannato in Messico nel 1985 per il brutale assassinio di un'agente della DEA Enrique Camarena.

Zero Hedge

La DEA è dietro al traffico di droga in America Latina ? 

L’ispettore Franklin Chase Brewster, 39 anni, a capo delle indagini sui casi particolarmente importanti di traffico di droga a Panama, è stato avvelenato il 3 luglio 2006. Brewster, come molti altri membri del personale, teneva il cibo portato da casa nel frigo che si trovava in uno degli uffici. Dopo aver pranzato e bevuto l’acqua da una bottiglia di plastica, si senti male e cominciò a lamentare mancanza di respiro, febbre, vertigini e nausea. Mezz’ora dopo, ancora cosciente, chiese di essere portato al National Hospital. Due settimane più tardi morì tra dolori lancinanti. Gli investigatori panamensi dichiararono alla stampa che, con ogni probabilità, Brewster era stato avvelenato con pesticidi organofosfati… Brewster era un agente di successo, un brillante laureato presso l’Accademia della DEA (Drug Enforcement Administration – Ufficio del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti). Si era specializzato nei cartelli della droga colombiani, e aveva condotto numerose operazioni di successo scoprendo i canali per il riciclaggio dei narcodollari, e aveva partecipato allo smascheramento dei complici del boss della droga panamense Pablo Rayo Montano. Brewster non fu coinvolto in alcun caso di discredito. Era molto apprezzato per la sua carriera ed era un padre di famiglia esemplare. 

Si potrebbe pensare che l’assassinio del massimo esperto nella lotta al narcotraffico avrebbe mobilitato tutte le strutture della polizia di Panama, e allarmato l’agenzia DEA, che gestisce almeno un centinaio di agenti “sotto copertura”. Niente di tutto questo è accaduto. La morte di Brewster è stata considerata una cosa ordinaria. Due giorni dopo, il suo corpo veniva cremato. L’inchiesta sull’omicidio fu effettuata violando molte procedure d’indagine, snaturando le prove e, di fatto, confondendo la pista.

Dei campioni di pelle, tessuti, sangue, liquido gastrico e i dati del passaporto di Brewster erano stati erroneamente attribuiti alla vittima, ma alcune delle provette dei campioni, in realtà, contenevano i biomateriali di un’altra persona. Secondo alcuni giornalisti panamensi, i rappresentanti della DEA hanno deliberatamente creato le condizioni per evitare il riconoscimento dei dati, rendendoli inadatti agli esami. Joseph Evans era il ‘responsabile’ delle indagini della DEA, mentre l’addetto agli affari legali David Vatli rappresentava l’FBI. Fu lui che aveva inviato alle autorità inquirenti di Panama i documenti e il biomateriale di Brewster destinati al laboratorio medico dell’FBI: “Nessuna traccia di pesticidi organofosfati era stata rilevata, l’atropina era stata identificata, come l’ossima e la lidocaina”. Il primo farmaco dimostra le cure presso il National Hospital; la lidocaina è un elemento dissonante e non si adatta alle cure. Il documento era stato inviato via fax, senza un adeguato procedimento legale presso l’Ambasciata degli Stati Uniti. Le conclusioni tossicologiche non furono messe a disposizione delle autorità panamensi.

E’ importante notare che, in seguito, in una lettera ufficiale al quotidianoPanama America, l’FBI ha negato l’esistenza di tale documento, dicendo che qualche sconosciuto potrebbe aver inviato un fax fasullo. Il giorno dopo la morte di Brewster, una certa organizzazione criminale diffuse un comunicato sulla “riuscita operazione Factura Roja” minacciando i funzionari panamensi che lavoravano con l’FBI e la DEA. Subito dopo la morte di Brewster, degli statunitensi s’identificarono come agenti dell’FBI, “ma senza un mandato”; erano tre dei più stretti collaboratori di Brewster nella divisione per le indagini sui casi di particolare importanza. Furono portati in camere appositamente attrezzate di un hotel di lusso a Panama City, e interrogati con il poligrafo. Il tutto venne fatto per intimidirli: minacce, aggressioni e ricatto. Durante gli interrogatori divenne chiaro ai panamensi che non avevano a che fare con l’FBI. Riconobbero uno di loro, John Warner, come ufficiale della marina degli Stati Uniti. Quando Giaconda Velez (“uno dei sospetti”) disse che lo statunitense non era dell’FBI, ma della marina, Warner uscì immediatamente dalla stanza e non ricomparve più. Gli interrogatori non ebbero successo. 

Nil Nikandrov Strategic Culture Foundation 03/11/2012



Nessun commento:

Posta un commento