Traffic Live

giovedì 20 novembre 2014

Pechino-Kabul-Islamabad il triangolo della sovranità



















Presidente Ashraf Ghani Ahmadzai ha fatto la sua prima visita ufficiale all'estero, meno di un mese dopo il suo insediamento alla fine di settembre 2014. Secondo le dichiarazioni ufficiali afgane, "il suo incontro con il presidente cinese Xi Jinping è stato reciprocamente vantaggioso".Il completamento con successo delle elezioni in Afghanistan nel settembre 2014, la creazione di un governo di unità nazionale e la prima transizione pacifica del potere da un presidente eletto a un altro darà qualche speranza per una possibile stabilizzazione politica, militare ed economica del paese.Il ritiro degli Stati Uniti e delle forze di coalizione internazionale dall'Afghanistan, ha spinto gli attori regionali (prima di tutto, l'Afghanistan, la Cina e il Pakistan) ad elaborare una nuova formula per la stabilità. Esso comprende tre componenti. Il rafforzamento dei legami economici, la creazione di un ambiente sicuro, e la collaborazione per lo scambio di risorse umane. La Cina, come uno dei leader dell'Asia, sta formando una strategia per migliorare i rapporti con i suoi partner più stretti per garantire la crescita futura del suo potenziale economico della regione.In questa fase, l'Afghanistan, la Cina e il Pakistan caratterizzano il loro rapporto come "speciale", come un "triangolo per la stabilità". Essi affermano che il loro obiettivo è quello di stabilire una collaborazione globale e duratura. Per quanto riguarda l'Afghanistan, gli interessi pakistani e cinesi sono molto simili. Si tratta di un ulteriore rafforzamento dell'integrazione economica, la lotta contro il terrorismo nella regione, il confinamento di agitazione separatista, l'accesso ai mercati dell'Asia centrale, etc.I requisiti per l'attuazione del programma di cui la pace e la stabilità nella regione e una migliore qualità della vita del popolo. In qualità di partner strategico, la Cina e il Pakistan sono interessati a stabilire la regolarità sociale e politica nella regione.Prima della visita del presidente Ashraf Ghani, Pechino ha dichiarato che la questione della sicurezza interna rimane irrisolta per Kabul. Allo stesso tempo, la Cina non cerca di sostituire le truppe occidentali ritirati dall'Afghanistan. Perché la principale priorità di Pechino è quella di fornire assistenza tecnica e finanziaria per la ricostruzione delle infrastrutture del paese. I suoi investimenti su larga scala del progetto Aynak della miniera di rame, la costruzione dell'Ospedale Jomhuri, ZTE, Huawei e Sinohydro, ecc, sono ben noti. Ci sono anche piani a lungo termine. I tre paesi si concentrano sull'Asia centrale, che è ricca di acqua, risorse energetiche e mercati delle materie prime. Molte offerte benefiche possono essere organizzati all'interno delle sfere politiche, economiche e logistiche dei tre paesi. Ad esempio, il progetto petrolifero Amu Darya Basin, con l'assistenza tecnica e finanziaria da Pechino, può aiutare l'economia dell'Afghanistan.L'estremismo islamico rimane una delle sfide regionali per il "triangolo". Cina e Pakistan temono che il ritiro dall'Afghanistan di una forza così restrittiva come le truppe internazionali US / NATO aumenterà notevolmente le attività terroristiche in Afghanistan. In effetti, negli ultimi mesi, i talebani hanno lanciato una serie di attacchi sull'esercito nazionale e sulle strutture dell'amministrazione civile nelle province meridionali e centrali.Pechino, in particolare, teme che "l'onda islamica" verrà a Xinjiang. La Cina ha una frontiera comune con l'Afghanistan. Pechino ha più volte esortato l'Afghanistan e paesi dell'Asia centrale ad intensificare la lotta contro l'estremismo religioso. Secondo le autorità cinesi, fanatici religiosi provocano una ondata di attacchi nel Xinjiang e in tutta la Cina, dove centinaia di persone sono state uccise nel corso degli ultimi due anni.Nel settembre 2001, dopo la caduta del regime talebano in Afghanistan, la Cina ha fornito 250 milioni di dollari in aiuti all'Afghanistan. Tuttavia, il sostegno finanziario è stato piuttosto limitato e per lo più limitata alla formazione di esperti nella lotta al narcotraffico. Tredici anni dopo, Pechino sta fornendo 327 milioni di dollari in aiuti a Kabul fino al 2017, e intende inoltre contribuire alla formazione di 3.000 professionisti afgani nel corso dei prossimi cinque anni.Ci sono piani per rilanciare la Via della Seta. Il punto di partenza geografico in Cina è la piccola città di Kashgar, nella regione autonoma uigura dello Xinjiang. Si trova a poche ore di distanza dal passo Wakhan. Pechino considera questa città come un possibile motivo di una centrale e meridionale Industrial Park e impianti di stoccaggio. A tal fine, oggi Pechino sta investendo nella costruzione di una rete stradale, la fornitura di energia, corrente elettrica e altre infrastrutture che collegano l'Afghanistan con il Pakistan e la Cina.

Nessun commento:

Posta un commento