Post in evidenza

Probabile ennesimo falso attacco chimico vicino Damasco, Ayn Tarma

Attenzione: Ennesimo attacco chimico (con molta probabilità falso) avvenuto in territorio siriano. La notizia non è stata, momentaneament...

venerdì 19 settembre 2014

Alla Scozia piace Londra.















La Scozia rimarrà sotto influenza economica e politica di Londra. Gli scozzesi hanno deciso tramite Referendum, Giovedì 18 Settembre, di continuare Progresso e Sviluppo camminando lungo i giardini di Buckingham Palace. Lo stesso David Cameron, il Primo Ministro Inglese, ha dichiarato subito dopo il Referendum che "Insieme siamo più forti", ha ribadito inoltre di mantenere le promesse che dichiarò in un'altra intervista prima del Referendum, come quella di, "Una maggiore autonomia della Regione scozzese e del resto del Regno Unito". Nel quadro generale dei risultati finali, il NO è arrivato al 55% circa mentre il SI al 44%. Dati che come possiamo ben notare affermano quindi le prime idee che gli stessi critici e analisti di Geopolitica dichiararono prima di Giovedì, quello di un'equilibrio tra i Separatisti ed il Fronte Nazionalista e coloro che invece erano favorevoli ad una più forte unione con Londra e quindi contrari all'Indipendenza.

Il vero valore dell'Indipendenza da Londra.

Gli scozzesi hanno esibito una decisione del tutto Democratica e del tutto rispettabile, nei confronti del Referendum che ha chiuso i suoi battenti poche ore fa. 
Un Referendum, quindi, che ha sancito il futuro di una Regione intera. Quella della Scozia. 
Una Scozia che poteva davvero essere la protagonista nel quadro Geopolitico ed Economico del Globo intero, ma che ha deciso di restare e dipendere, sopratutto, da Londra, da David Cameron e sopratutto dall'Imperialismo targato UK colluso con l'UE e i cugini dell'Atlantico, USA. 
Il vero valore del concetto di Indipendenza va oltre ogni aspettativa dei concetti Populisti sia di Destra che di Sinistra, ma che invece impianta le sue radici nella storia stessa della Regione interessata. La Scozia che di storia ne ha da vendere e forse anche da regalare se vuole, ha quindi imboccato la strada sbagliata, una strada che porterà soltanto ad una lenta Auto-distruzione Sociale, Economica e Politica, che getterà le basi di una Diseguaglianza enorme e che sarà, quasi sicuramente, implacabile. Basti osservare in queste ore il Medio Oriente, una regione che si trova in balia delle forze Imperialiste del Globo e che le stesse potenze belliche Internazionali come USA, UE, Turchia, Nato, Qatar, Arabia Saudita e la stessa Corona Inglese sono i primi protagonisti dello scenario bellico in quella Regione, finanziatrici quindi delle Milizie dello Stato Islamico non che fautori delle Crisi Geopolitiche nell'Africa del Nord nel 2011. 
Una Scozia quindi, o meglio una parte di Scozia, che ha deciso di appoggiare le politiche di aggressione Estere di Londra e con esse l'intero Blocco Imperialista. 

Nessun commento:

Posta un commento