Post in evidenza

Probabile ennesimo falso attacco chimico vicino Damasco, Ayn Tarma

Attenzione: Ennesimo attacco chimico (con molta probabilità falso) avvenuto in territorio siriano. La notizia non è stata, momentaneament...

sabato 23 maggio 2015

Arabia Saudita, False Flag, ISIS

Il nome del kamikaze islamico è Abu Ali Al-Zahrani.

"Almeno 20 persone hanno perso la vita e un certo numero di persone ha subito ferite nell'esplosione di un' ordigno che ha seminato il panico in una moschea nella provincia dell'Arabia Saudita".

                                                        "Abu Ali al-Zahrani"

L'attacco ha avuto luogo nel villaggio di Al-Qadeesh nel distretto di Qatif.

Un kamikaze islamico dichiara di essersi fatto esplodere in una moschea in Arabia Saudita orientale durante la preghiera del venerdì, uccidendo circa 20 persone e ferendone più di 70.



Un testimone ha descritto un enorme esplosione presso la Moschea, dove stavano pregando più di 150 persone.  
Una fotografia pubblicata sui social media ha mostrato il corpo mutilato di un giovane, dichiarando che si tratti dell'attentatore.

Con il nome di Abu Ali Al-Zarhrani raffigurato dai sostenitori dello stato islamico on-line. Il gruppo ha rivendicato l'attacco su Twitter.

Altre immagini hanno mostrato ambulanze e vittime ricoperte di sangue portate via in barella.



"Il Ministero dell'interno Saudita, chiamando l'attacco un atto di terrorismo, ha detto che l'attentatore ha fatto esplodere una cintura nascosta sotto i vestiti, convolgendo un sacco di persone uccidendole e ferendole".

«Stavamo facendo la prima parte delle preghiere quando abbiamo sentito l'esplosione,» un adoratore "Kamal Jaafar Hassan" ha dichiarato alla testata on-line di Reuters per telefono dalla scena. 



Nessuno immediatamente ha rivendicato la responsabilità per l'attentato, il primo a destinazione sciita in Arabia Saudita dal mese di novembre quando uomini armati hanno ucciso almeno otto persone in un attacco a una celebrazione di anniversario religioso sciita. 

L'attacco potrebbe danneggiare ulteriormente le relazioni tra sunniti e sciiti nella regione del Golfo, dove le tensioni sono aumentate durante le settimane di operazioni militari nello Yemen da una coalizione a guida Saudita contro i combattenti Houthi



Ad aprile, l'Arabia Saudita ha detto che era in allerta per un possibili attacchi contro installazioni petrolifere o centri commerciali.

Nello Yemen, una bomba in una moschea Houthi nella capitale Sanaa venerdì è stata innescata dallo stato islamico.

"Una pistola alla nostra tempia una False Flag.  A quel punto la guerra contro ISIS si trasforma in ciò che è stato dal primo giorno : il tentativo occidentale di schiacciare e rovesciare il governo di Assad e portata nelle mani il controllo della Siria della Turchia e dell'Iraq, così Stati Uniti, Arabia Saudita e Qatar possono controllare cosa succede dietro le quinte, consentire infine che il gasdotto del Qatar attraversi la nazione ed emarginare poi le forniture di gas russo all'Europa".

Fonte: Dailymail
Articolo collegato: Attacco in Arabia Saudita

Nessun commento:

Posta un commento