Post in evidenza

Probabile ennesimo falso attacco chimico vicino Damasco, Ayn Tarma

Attenzione: Ennesimo attacco chimico (con molta probabilità falso) avvenuto in territorio siriano. La notizia non è stata, momentaneament...

mercoledì 20 maggio 2015

Il Medio Oriente traballa

Forze speciali statunitensi uccidono il leader dello Stato Islamico in Siria.

Il dipartimento della difesa degli Stati Uniti ha annunciato che le forze speciali degli Stati Uniti hanno ucciso un uomo che descrivono come un leader dell'ISIS in Siria orientale. Questo segna la prima operazione sul suolo siriano del conflitto civile siriano.

Non sarà l'ultima.



La rete internet non cede tutte le informazioni in merito ad un leader IS/ISIL/ISIS/Daesh con età anziana, chiamato Abu Sayyaf prima di questo annuncio.

Il suo nome non compare negli elenchi dei capi.

L'elenco dello stato islamico dell'Iraq e del Levante

La vera storia qui è che gli Stati Uniti hanno iniziato conducendo operazioni di terra in Siria, questa è una significativa escalation che porta a nuovi rischi per il personale degli Stati Uniti e con presagi sinistri per la Siria e il Medio Oriente.

I Neocon dietro la destabilizzazione in Siria e Iraq 



"Diversi comandanti coinvolti nelle principali operazioni di recente hanno confermato che la sala operativa di guidata degli USA ha sede nel sud della Turchia, che coordina la fornitura di supporto letale e non ai gruppi di opposizione controllati, per facilitare il loro coinvolgimento nelle operazioni dall'inizio di aprile in poi. Quella sede delle operazioni — insieme ad un'altra in Giordania, che si estende fino al sud della Siria — sembra inoltre aver aumentato enormemente il livello di assistenza e fornitura di intelligence ai gruppi controllati nelle ultime settimane. "

Il Presidente Barack Obama ha dichiarato che non non c'è nessuna soluzione militare alla guerra siriana, nessuno vincerà.

Sbarazzarsi del leader siriano, Bashar Assad.

"Oggi una sola fonte ha segnalato che c'era stato un tentativo di assassinio del Presidente siriano Bashar al Assad". Assad



La guerra siriana è una massiccia crisi umana in corso e gli obiettivi politici devono sicuramente essere meno importanti in questa situazione.

Obama ordinò il raid in Siria, al comandante Abu Sayyaf ucciso dalle forze speciali degli Stati Uniti.


Anche in Libia la situazione non è delle migliori.

"Il paese è diviso in tre parti amministrative, Cirenaica, Tripolitania e Fezzan, ben due parti in questione non hanno dichiarato legale il governo centrale, quindi dichiarato l'autonomia".



"La situazione in Libia dal luglio del 2014 ha assunto la caratteristica di una frana".

Campo di battaglia in Libia



"Le guerre dei "neocon" servono per scopi diversi: la destabilizzazione di qualsiasi organizzazione dell'opposizione, soprattutto nel Medio Oriente; il supporto alle industrie militari nazionali, le industrie sta crescendo negli Stati Uniti oggi; e insieme al controllo di quest'ultimo, di altre regioni per sostenere l'uso della moneta USA il Dollaro come valuta globale regnante".


Anche lo Yemen nel mirino della destabilizzazione politica. 

"Lo scopo è quello di creare, grazie ad un conflitto, un sacco di soldi".

Lo stesso Giulietto Chiesa durante un video girato per conto del suo sito di informazione sugli scenari geopolitici internazionali, Pandora.tv, dichiara:
  1. Che un probabile attacco all'Iran, USA e CIA avrebbero un maggior controllo geopolitico verso la Cina, prima potenza mondiale economica;
  2. Controllo geopolitico dell'intera regione;
"La mappa seguente, mostra l'espansione della cellula terroristica di Al Qaeda, del movimento separatista e il quadro geopolitico della varie regioni meridionali dello stato yemenita". 

Nessun commento:

Posta un commento