Post in evidenza

Il Venezuela nel mirino della destabilizzazione politica

Articolo pubblicato originariamente il 19 novembre 2014.  Dei rapporti mediatici latino-americani riportano, con allarmante regolarità,...

mercoledì 17 giugno 2015

Arabia Saudita, armi nucleari e CIA

Negli ultimi mesi, fonti affidabili, dell'organizzazione internazionale della (non proliferazione nucleare) hanno confermato l'uso delle armi al fosforo bianco in Ucraina dell'est e quelle termobariche nello Yemen. Anche quando la vesta documentazione è offerta ma non limitata ai piani delle più avanzate armi nucleari e la prova diretta di registri di un'arma alterata, il mito del fungo atomico, hanno lasciato la porta aperta senza limitazione d'uso alle armi nucleari "sarà". Oggi il mondo affronta la minaccia dell'arsenale nucleare dell'Arabia Saudita. L'Arabia Saudita si è impegnata con frenesia, nel spargere caos e omicidio nello Yemen, il regno saudita stesso è in preda alla disintegrazione. Analizziamo quindi oggi quanto e come l'Arabia Saudita si sia trasformata in una potenza nucleare, centro globale dell'estremismo religioso e dell'ignoranza patologica. 

La storia di Gary Condit

Nel maggio del 2002 a metà tra gli attacchi dell 911 al WTC e alla tentato conflitto lampo in Medio Oriente, una giovane ragazza di nome Chandra Levy scomparse. I membri del congresso statunitense, tra cui un certo Gary Condit, furono incolpati dalla stampa internazionale dell'omicidio della ragazza. Anni più tardi un criminale di strada sarebbe stato arrestato e condannato per il delitto. 



La domanda è perché ? Vedremo adesso i motivi

Gary Condit ora si trova presso un'organizzazione di ambientalisti occulta, ha avuto una carriera presso il congresso USA, prima di essere tirato in ballo nello scandalo. Tuttavia la verità è qualcosa di molto diverso. Un'articolo apparso sul New York Times nel 2002 racconta la storia di un ucraino. Condit, come membro dei servizi segreti (CIA), riavviò il programma di acquisto delle armi nucleari americane. Tempo fa fummo scossi dalle caviglie dalla terribile notizia che nel mese d'ottobre, la CIA aveva informazioni (successivamente ritenute puzzolenti come un pesce vecchio di sette giorni), in cui dei terroristi avevano nascosto circa 10 kiloton di arma nucleare a New York City. 
Quindi è logico supporre che un terrorista di Al-Qaeda potrebbero avere guidato un'arma nucleare in città. In realtà forse c'è ancora una bomba e che qualche terrorista sia travestito da terrorista o che il terrorista sia travestito da autista di taxi. Comunque, la storia originale apparsa sulla rivista ha riferito che l'allarme bomba ha corrispondenza alla relazione di un generale russo che ha pensato che potrebbe mancare negli arsenali di Mosca una testata. Probabile ? Anche perché la Russia ospitò sul proprio suolo gli ultimi giochi olimpici invernali. 

Nel 1989 Gary Condit fu eletto al congresso. Un democratico. Condit è stato collegato alla destra di partito e all'ingresso di Israele. Durante l'amministrazione Clinton, Condit votò per il repubblicani contro Clinton. La maggior parte di coloro che abbracciano la teoria della cospirazione, collegano gli avvenite dell'11 settembre del 2001 al gruppo dei Neocon, tra cui Dick Cheney

Condit entrò in rottura con grandi membri del governo USA a Washington e sopratutto con membri dei un'organizzazione occulta per la creazione di un "nuovo secolo americano". 

Secondo Dick Cheney ci sarà un'attentato di gran lunga peggiore dell 911, entro la fine del decennio. Come riportato dal quotidiano, Daily Mail, del 25 giugno 2014 Cheney ha affermato che molto probabilmente ci sarà un'attacco terroristico di gran lunga peggiore rispetto a quello dell'11 settembre al WTC. 

"Penso che ci sarà un'altro attacco. E la prossima volta credo che sarà molto più letale dell'ultima. Immaginate cosa sarebbe se qualcuno riuscisse a portare nel paese una testata atomica, la mettesse dentro un container e la portasse sin alle porta di Washington". Queste sono le dichiarazioni di Dick Cheney. 

Link: 
NEO

Nessun commento:

Posta un commento