Post in evidenza

Probabile ennesimo falso attacco chimico vicino Damasco, Ayn Tarma

Attenzione: Ennesimo attacco chimico (con molta probabilità falso) avvenuto in territorio siriano. La notizia non è stata, momentaneament...

sabato 27 giugno 2015

Che strano venerdì

Terrorista in Tunisia ha preso di mira due hotel uccidendo più di 30 persone.

La Tunisia è una delle nazioni più prosperose del mondo arabo ed una delle più istruite.

La Tunisia è riuscita a creare un'industria base come ad esempio un'industria tessile e di logistica per automobili. 

La CIA e il Mossad preferirebbero una Tunisia controllata dalla fratellanza mussulmana gestita dalla CIA stessa. 

CIA COUP IN TUNISIA ?

Foto: "Zerohedge"

Terrorismo targato Stato Islamico, decapitazione in Francia, esplosione in una moschea nel Kuwait e strage in Tunisia

L'attacco ha avuto luogo nella località turistica di Sousse, cittadina situata a sud della capitale Tunisi. sulla costa mediterranea.


I media locali hanno riferito che la maggior parte delle vittime erano di nazionalità tedesca e britannica. Infine è stato anche riferito che il corpo dell'attentatore è stato ritrovato senza vita dopo uno scontro a fuoco con la polizia locale.

"Il corpo di un turista occidentale, vittima dell'attacco"

"Il corpo del terrorista" (1)

(2)

"Un blindato presidia l'ingresso di un hotel coinvolto negli attacchi."

Uno degli hotel presi di mira è il Marhaba Hotel. Il numero delle vittime inoltre è stato confermato se ne contano 37.

Il Mossad sostiene le attività in Tunisia.

Una rivista tunisina ha riferito che il sistema di spionaggio israeliano che collabora con la CIA ha sostenuto decine di attività rivoluzionarie in varie città della Tunisia. Subito dopo aver spodestato il presidente tunisino. 

Link: Qui


La Tunisia fu scossa mesi fa da un primo attacco terroristico, presso la capitale Tunisi, al Museo del Bardo.


Pochissime ore dopo un'altro attentato scuote l'opinione pubblica internazionale, dopo gli attacchi di gennaio nella redazione di Charlie Hebdo un'ennesimo attacco vede protagonista la Francia.

L'attacco è avvenuto in una fabbrica di gas industriali dove due persone hanno fatto irruzione nella società a bordo di un'automobile e hanno fatto esplodere bombole a gas.

Dopo gli attacchi parte dell'opinione pubblica pensa che la CIA sta spronando la Francia al fine di inviare truppe in Siria. Una pista da non escludere assolutamente.

L'ATTACCO IN FRANCIA

Dopo l'attacco le forze dell'ordine francesi hanno accompagnato una donna ed un bambino non identificati mentre lasciano l'appartamento di Yassine Salhi.




Attacco FALSE FLAG in un'azienda francese
di Aangirfan

Il 26 giugno 2015 "un attacco false flag nello stile delle operazioni Gladio" ha avuto luogo in una fabbrica di proprietà statunitense in Francia vicino Lione.

Secondo le informazioni ricevuto, in merito all'attacco:

Due uomini in un'automobile.

Una testa decapitata, su cui c'erano impresse parole arabe.

Piccole esplosioni che hanno provocato dei feriti.

L'uomo autore del gesto era conosciuto dai servizi segreti ed era un membro dello Stato Islamico.

L'attacco è avvenuto vicino Lione, precisamente a Saint-Quentin -Fallavier.

I testimoni dichiarano che gli uomini stavano sventolando bandiere islamiche. Uno degli autori è fuoriuscito dall'auto e decapitato una persona, secondo dei testimoni.

Chi si ricorda gli attacchi alla redazione di Charlie Hebdo ?

Link:
1) L'attacco a Parigi opera di CIA e Mossad ?
2) Charlie Hebdo FALSE FLAG ?


"La sede dell'azienda a sud di Lione"


Foto: RT

FRENCH FACTORY 'FALSE FLAG ATTACK'.


Yassin Salhi, 35 anni, è designato come l'autore dell'attentato nella fabbrica di gas a Saint-Quentin-Fallavier, a Isere. Chi è quest'uomo già conosciuto dai servizi segreti ?

Il nome di Yassin Salhi, è stato rivelato durante la conferenza stampa del Ministro degli Interni francese Bernard Cazeneuve. Quest'uomo di 35 anni, nato il 25 marzo 1980, era ben noto ai servizi segreti francesi, abitava vicino Lione, sposato e padre di tre figli. L'uomo secondo le indagini lavorava presso l'azienda colpita dall'attacco terroristico.


Secondo informazioni Yassin si sarebbe radicalizzato presso una moschea nel dipartimento di Doubs.

La famiglia di Yassin Salhi è stata fermata ore dopo, nel pomeriggio, presso un'abitazione dove das circa sei mesi viveva assieme la mogli e i figli. L'autore degli attacchi inizialmente si sarebbe rifiutato di collaborare e parlare con i servizi di sicurezza. 


In questo comune francese la polizia locale erano riusciti a piazzarsi dinanzi un edificio verso le 14:30, sono intervenuti verso le 15:10 evacuando l'edificio e seguendo ininterrottamente la moglie di Yassin Salhi.

I vicini sono restati increduli dell'accaduto, secondo informazioni riportate da un giornalista di Le Monde: "I loro bambini giocavano con i nostri, gente banale, chi l'avrebbe pensato?"

Yassin Salhi aveva la fedina penale sporca.

Secondo fonti l'uomo era in contatto con unità di estremisti di matrice islamica.


Nessun commento:

Posta un commento