Post in evidenza

Il Venezuela nel mirino della destabilizzazione politica

Articolo pubblicato originariamente il 19 novembre 2014.  Dei rapporti mediatici latino-americani riportano, con allarmante regolarità,...

mercoledì 10 giugno 2015

Cina e Russia nuove protagoniste nel quadro geopolitico globale

Sono due gli argomenti che adesso, osservando il quadro geopolitico mondiale bisogna constatare. Il crollo del Petrodollaro e il concetto egemonico della moneta nazionale cinese, lo Yuan.

"Il Petrodollaro è morto e nessuno se ne rende conto". Il link qui: The petrodollar is died.


Due anni fa si incominciò a discutere in toni inizialmente strettamente silenziosi, poi subito dopo in modi rumorosi, il mondo finanziario cominciò a discutere dell'utilità delle riserve del dollaro statunitense e dei paesi esportatori di petrolio che avrebbero riciclato il dollaro che ricevettero in cambio delle loro esportazioni di petrolio, fortificando il valore di valuta delle riserve stabilendo i prezzi dei beni patrimoniali e degli acquisti.

L'articolo originale: Petrodollar VS Yuan.

I prezzi del greggio in caduta servi ad accelerare il crollo del petrodollaro e nel 2014 le nazioni dell'OPEC eliminarono per la prima volta la liquidità dai mercati.

Spostandoci sull'idea di egemonia dello Yuan la Cina punta a fortificare la Via della Seta e l'AIIB. Il fondo investito per la Via della Seta è di 40 milioni di dollari circa appoggiato sulle riserve della Cina che servirà ad ampliare i progetti sulle infrastrutture attraverso i paesi in via di sviluppo. Infine troviamo i 50 milioni di dollari, della Banca Asiatica degli Investimenti e delle Infrastrutture AIIB, depositati dai 57 stati membri, escludendo Giappone e USA.

Un Ministro degli esteri cinese ha dichiarato che, l'Ungheria ha siglato un accordo con la Cina per entrare ufficialmente nel contesto economico della Via della Seta di Pechino.

L'Ungheria quindi è il primo paese europeo ad aver aderito al progetto cinese "Una cintura, una strada." Alleati UE e Cina. L'accordo sulla via della seta è stato firmato sabato dal ministro degli esteri cinese Wang Yi e il suo omologo ungherese Peter Szijjarto.


"La Cina collaborerà con l'Ungheria intensificando l'ammodernamento della ferrovia Budapest-Belgrado e la costruzione della linea express tra Cina-Europa e altri progetti di grandi infrastrutture." La Cina sta aiutando a costruire un fondo per una ferrovia che collegherà Ungheria e Serbia. Link: Ungheria e Cina.

"Lo Yuan ha travolto anche il Nord America, un fenomeno sconosciuto fino ad'adesso, precisamente è il Canada ad adottare questo modello di pagamento". Lo ha dichiarato "Astrid Thorsen" giornalista per The Business Intelligence.

"La Russia e la Cina intendono aumentare la quantità di commercio con lo Yuan". Queste le dichiarazioni di Vladimir Putin. Osservazioni accolte favorevolmente dagli alti dirigenti cinesi che vogliono la propria valuta allargata ampiamente nel quadro globale. Inoltre la Cina e la Russia hanno sostenuto la diminuzione del dollaro nel commercio internazionale.
Qui l'articolo completo: Reuters.

"Componente della nostra cooperazione (la Cina), intendiamo utilizzare le valute nazionali nelle cooperazioni reciproche. Gli affari con il Rublo e lo Yuan sono appena iniziati. Voglio far notare che siamo pronti ad ampliare queste opportunità nelle nostre risorse energetiche". Queste altre dichiarazioni di Vladimir Putin.

La stessa azienda russa in campo energetico Gazprom ha dichiarato che dall'inizio dell'anno, tutte le vendite di gas e petrolio in Cina sono state sistemate in Yuan.

Qui i dati annuali di importazione del greggio di Cina e Russia e delle nazioni scelte dall'OPEC in milioni di tonnellate. (Sotto).


Fonti e articoli collegati:

Nessun commento:

Posta un commento