Traffic Live

giovedì 25 giugno 2015

Odio razziale, Charleston e un probabile controllo mentale - Aggiornamenti

"La strage annunciata e la notizia pubblicata moltissime ore prima ?" 

LINK: Yahoo
false flag

"A Charleston dal 15 giugno al 19 giungo 2015 si è tenuto "Un programma di formazione e di istruzione". (Sopra). 



Nella foto sopra vediamo un dottore usare tecniche con "finte vittime". 

Il massacro di Charleston è l'ultimo di una lunga serie di attacchi alle chiese afroamericane del sud. Storicamente le forse dell'ordine si sono rifiutati di considerarle crimini a sfondo razziale a meno che che i sospetti avessero legami con gruppi, ignorando così il ruolo sociale del razzismo. Ma la maggior parte di questi crimini d'odio sono commessi da affiliati giovani maschi con carnagione bianca che crescono in una cultura pervasa dal razzismo. 

Sulla scia di omicidi delle nove vittime presso la chiesa di Charleston, nella Carolina del Sud questa settimana, molti anno sottolineato il ruolo centrale della congregazione storica in una comunità afroamericana della città. 



Una delle vittime, Clementa Pinckney è stato il pastore e il leader della comunità afroamericana che risiedeva in chiesa, un gruppo di visitatori disse nel lontano 2013 che "Questo è un posto molto speciale perché questo sito, questa zona, è legata alla storia e alla vita degli afroamericani dagli inizi del 1800. 

Il massacro richiama alla mente la lunga storia di attacchi di matrice razzista in chiese afroamericane del sud, che sono mira proprio a causa del loro ruolo non solo luoghi di culti, ma anche santuari e spazi per le azioni comunitarie. 

Gli attacchi contro le chiese afroamericane nel sud del paese proseguirono, intensificandosi di nuovo sulla scia del movimento del 1950 dei diritti civili. Il 15 settembre del 1963 i bombardamenti della chiesa in Alabama, compiuti dai membri del (KKK), che uccise quattro persone e ferendone altre 20, segnò un punto di svolta nella escalation della lotta per i diritti nel sud del paese. 


Il KKK sarebbe una centrale strategica della CIA e del Mossad ? 



Nel 1990 le chiese afroamericane sono di nuovo nel bersaglio un'ondata di incendi e bombardamenti incendiari. Secondo l'istituto per gli Studi del Sud ben 230 incendi danneggiarono nell'arco di 21 mesi intere chiese a partire dal agosto del 1994, quando i giovani bianchi legati dalla fazione ariana neonazista gettò una bomba molotov e aprendo il fuoco in una chiesa prevalentemente afroamericana a Clarksville, nel Tennessee. Gli assalitori lasciarono un biglietto su cui c'era scritto "Lasciate la nostra comunità bianca, la caccia è aperta". Sempre secondo l'istituto per gli Studi del Sud, la maggior parte, circa l'ottanta percento degli autori di questi incendi o di altri atti a sfondo razziale, furono prevalentemente uomini con colore della pelle bianca. 

Da tutto ciò che è noto finora il sospettato della sparatoria a Charleston nella chiesa è Dylann Storm Roff di 21 anni, compiuti ad aprile, risiede a Lexington, nella Carolina del Sud. 

Per conoscere Dylann Roff ecco il link: 

FALSE FLAG Charleston

Da come possiamo notare nel link sopra in una sua foto recuperata dal profilo facebook viene ritratto con addosso un giubbotto rivestito su di un lato da ben due bandiere. 

La prima rappresenta la bandiera del Sud Africa in pieno Apartheid, mentre la seconda rappresenta la Rhodesia, oggi Zimbawe. Entrambi due zone geografiche al cui interno anni fa vi scoppio una vera e propria guerra civile con sfondo razziale. 

Ma la foto secondo altre fonti sembrerebbe un falso. 

Nella vicenda sono legati anche l'etnia ebrea e il fronte nazionalista. Ma cosa centrano ? 

Il capo della polizia di Charleston, Reuben Greenberg, (1934-2014) era afroamericano ed ebreo. 

Sin dal 19° secolo, Charleston ha ospitato la più ricca comunità ebraica in America del Nord.



Guardate come i media con la vicenda di Charleston ci spingono ad una guerra razziale e al controllo delle armi. di "Truthstreamedia"

Si tratta di un'operazione psicologica.  


"L'unica ragione per cui qualcuno potrebbe entrare in una chiesa e sparare alla gente che prega è fuori dall'odio razziale". Queste le dichiarazione del sindaco di Charleston, Joseph Riley. 

"E' l'atto più vile che si possa immaginare ... si tratta di una persona odiosa".

Si tratta di una "bufala sionista". Una false flag ? Foto e doc. nel link (sotto)

Non avevano ancora acciuffato il ragazzo, ma le autorità locali e i media avevano già i dati anagrafici della personalità, "Dylann Storm Roff", una presunta supremazia bianca ma con tanti amici afroamericani su Facebook.

Mostrano Dylann Roff, se osserviamo la foto (sotto),  in un semplice abbigliamento arancione. 


Secondo il pastore della comunità di Charleston, Dylann Roff Storm, è un cristiano praticante, battezzato nella fede luterana. 

La Carolina del Sud ha collegamenti ideologici e storici con le frange nazionalsocialiste e alti dirigenti della CIA. 


"Tutto è collegato, sicuramente, alla Strategia della Tensione."

di Aangirfan

1) "La strategia della tensione è una tattica che mira a dividere, manipolare e controllare l'opinione pubblica facendo uso dei timori, della propaganda, della disinformazione, delle operazione psicologiche, degli agenti provocatori ma sopratutto delle azioni false flag." 

"Un'esemplare esempio di azione "false flag" quella attuata dalla CIA a Parigi a gennaio nella redazione di Charlie Hebdo." 

2) "Gli americani hanno vissuto nel timore costante, temendo che i comunisti fossero da tutte le parti, temono ancora oggi che il comunismo sia una malattia contagiosa della mente che si stava espandendo a macchia d'olio negli Stati Uniti e nel, resto del mondo e temevano che l'URSS stesse avviando una guerra nucleare contro di loro."

"Il timore verso una minaccia inesistente, il comunismo, ha permesso che il governo centrale di Washington avesse stabilimenti militari sparsi in tutto il mondo, CIA, NSA, operazioni segrete, spionaggio, interventismo straniero, assassini legati alla CIA, tortura, sorveglianza costante, e sopratutto abbattere le dittature estere."


3) "La strategia della tensione funziona là dove l'istruzione generale è povera e dove i media centrali sono più o meno aerodinamici."

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Restare nel guscio d'uovo è davvero orribile. Cazzate ? Ma sai cosa stai dicendo ? Conosci la storia ?

      Elimina